RUBRICA - Italiani brava gente

Auguri a tutti in questo strano Natale

Natale è la festa più importante. Per i credenti, per i negozianti, per i parenti che si incontrano solo una volta all’anno – per Natale, appunto – e non si sopportano per il resto dell’anno e neppure per Natale. Lo è per i figli che tornano da lontano e per le mamme che li aspettano con l’ansia che li mangia dentro: «Avrò preparato abbastanza da mangiare? 60 capesante gratinate basteranno per 5?». Natale è importante per quelli che il Natale un po’ lo soffrono: perché è una corsa troppo lunga che comincia a metà settembre quando sei ancora in ciabatte infradito ma in giro compaiono i panettoni; perché aumenta il sentimento di solitudine con quell’invito a non essere soli e quello di infelicità con la continua esortazione a essere felici. E poi per la retorica: ci sono persone che dopo aver sentito 40 volte l’espressione “La magia del Natale” – ed è il 3 dicembre – sviluppano un’orticaria da stress che sarebbe bene far vedere in Pronto Soccorso.
Ma al Pronto Soccorso è meglio andarci con cautela. C’è una pandemia che l’umanità non ha mai attraversato da cento anni a questa parte e sarà un po’ diverso anche questo Natale. Restano i regali, un modo per dire la gratitudine.

E allora qualche pensiero di regali per questo strano Natale 2020: regali e pensieri per quelli del Pronto Soccorso. E per medici, infermieri e tutti quelli del Servizio Sanitario Nazionale. Che guadagnano meno di quanto sarebbe giusto, che stanno vicino a chi sta male e questo costa una fatica che non ci immaginiamo, che sono passati da essere protagonisti di episodi di malasanità ad essere eroi a qualcos’altro che ancora non si sa. Ma continuano a lavorare.

Regali e pensieri per tutti quelli dei supermercati e dei negozi. Quelli che trasportano le cose, quelli che le mettono sugli scaffali e ti dicono dove le trovi. Regali alle cassiere che durante il primo lokdown, quello pesante, sopportavano chi andava al supermercato per comprare un pacco di biscotti e poi tornava a prendere due buste di insalata. E loro lo sapevano che era solo un modo per uscire di casa e sopportavano. Dicevano:«La busta non le serve, vero?», giusto per far capire che avevano capito.

Regali e pensieri per tutti quelli che in questi tempi d’emergenza hanno avuto idee, fatto cambiamenti e fatti alla svelta. Vengono in mente Renato Favero, il medico che ha pensato di trasformare una maschera da sub in un casco da ossigeno e Cristian Fracassi, l’ingegnere che l’ha realizzato, ma ce ne sono tanti altri.

Regali e pensieri per tutti quelli che hanno protetto le persone anziane, le più fragili. Operatori delle Rsa che si sono chiusi dentro, per settimane, con i loro ospiti per non far entrare il virus e nipoti che hanno istruito i nonni all’uso di Zoom e altre diavolerie da videocomunicazione. «Lo schermo è tutto nero, nonno? Hai provato ad accenderlo?».

Regali e pensieri per tutti quelli che hanno fatto qualcosa per gli altri. A molti di loro ha detto grazie il presidente Mattarella, facendo Cavalieri della Repubblica alcuni cittadini che si sono distinti nel servizio alla comunità. Allora un regalo e un pensiero a Sergio Mattarella per quello che rappresenta, per come lo fa e per quel bellissimo ciuffo di capelli fuori posto. Auguri, ce n’è bisogno.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui