RUBRICA - Italiani brava gente

Alba, la carrozzella super tecnologica

C’è una figlia appena nata che scombussola le notti di una famiglia: poppate, pannolini, pianti. C’è un padre che si sveglia, prepara il biberon e fa quello che c’è da fare. Poi non riesce più a riaddormentarsi e allora si alza, pensa, progetta, disegna. Perché quest’uomo assonnato ha anche una nonna che si chiama Alba, ha 90 anni e un’artrosi al ginocchio: per muoversi deve usare una carrozzella. E perché, pensa l’uomo, la carrozzella è uguale a se stessa da decine e decine di anni? Perché stanno arrivando le automobili che si guidano da sole e le carrozzelle sono rimaste indietro? 

L’uomo si chiama Andrea Segato Bertaia, ha 45 anni, sta a Torino e fa l’informatico. Ha sempre lavorato sullo sviluppo di tecnologie innovative e adesso ha quella domanda che gli continua a girare per la testa: «Come posso restituire autonomia a mia nonna?». Così, nelle notti insonni, pensa ad un trasferimento di tecnologia: proviamo a spostare quella delle automobili sulla carrozzella? Andrea Segato ed i suoi – lavorano a Teoresi, una società di ingegneria con 800 collaboratori – partono dai sistemi di assistenza alla guida delle auto. In gergo si chiamano Adas (Advanced Driver Assistance Systems) e sono quelli che il venditore ti snocciola nell’autosalone per convincerti a comprare il nuovo modello.

C’è il controllo di velocità adattivo: tu imposti velocità di crociera e distanza di sicurezza e poi l’auto accelera o rallenta da sola. C’è l’avviso di collisione: una videocamera o un radar riconosce le situazioni di pericolo e ti avvisa. C’è  il sistema che segue la linea bianca di demarcazione della carreggiata e ti avverte se la oltrepassi per sbaglio. Se invece lo fai dopo aver messo la freccia lui capisce che è un sorpasso. E poi ci sono anche i sensori di parcheggio, il riconoscimento automatico dei segnali stradali ed i sensori di pioggia.

Tutti dispositivi che servono per ridurre i rischi di incidente e migliore la qualità del viaggio. Sono sempre più diffusi e dal 2022 diventeranno obbligatori per tutte le nuove automobili. Ma nessuno aveva pensato di travasarli su una carrozzella. Forse perché associamo l’auto a velocità e grandi spostamenti ed è difficile pensare a nonna Alba che sfreccia a 90 all’ora in carrozzella sulla tangenziale.

Ma, precisa Andrea Segato, l’1% dei cittadini del mondo sta su una carrozzella. Sono più di 70 milioni persone per le quali va ripensato il movimento e come guidarlo. Qui c’è la sua seconda intuizione notturna: una carrozzella che  si guida con la voce. Scelgono quella di Alexa, l’assistente vocale di Amazon, che adesso riconosce i comandi vocali per spostarsi all’interno dell’ambiente di casa. “Portami in bagno”, dice la nonna, e la carrozzella ci va. Poi farà di più, diventerà un oggetto intelligente che dialoga con chi la usa e con quello che c’è intorno. Molte grandi aziende tecnologiche si sono appassionate al progetto. La carrozzella si chiama Alba, sta per Advanced Light Body Assistants, ma è anche un omaggio alla nonna. Noi ci permettiamo di suggerire a Andrea Segato, adesso che la figlia sta crescendo, di cominciare a pensare ad un passeggino tecnologico con sensore di cambio pannolino.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui