RUBRICA - Web&Social

Adolescenti, ecco come capirli

Se come me hai a che fare con figli adolescenti e i loro amici, spesso ti troverai ad ascoltare le loro conversazioni chiedendoti perché non capisci assolutamente cosa stanno dicendo, nonostante sembrino parlare in italiano. Ogni frase è infarcita di parole che sono italianizzazioni di termini inglesi, in genere legati ai giochi online, ed è utile conoscere almeno le principali. Molti termini mantengono esattamente il significato che hanno in inglese e che descrive qualcosa che avviene all’interno del gioco.
Bannare (to ban): escludere qualcuno dal gioco o, in senso lato, da una conversazione o da un gruppo.
Buildare (to build): costruire, mondi o edifici, ad esempio in Minecraft.
Luttare (to loot): saccheggiare, raccogliere quanto più bottino possibile, da soli o in gruppo.
Castare (dall’espressione to cast a spell): lanciare, usato quando si lancia un incantesimo.
Stunnare (to stun): stordire.
Killare (to kill): uccidere.
Laggare (to lag): l’espressione rimanda a quando un file o un programma tarda a caricarsi o si interrompe per problemi di connessione; viene usata in senso lato quando qualcosa o qualcuno si blocca o ritarda.
Sciottare (to shoot): sparare.
In altri casi, la parola assume un significato specifico che va al di là del suo senso letterale:
Camperare (da camper): è una strategia di gioco che consiste nel sostare in una posizione strategica e protetta, in cui aspettare che passino i nemici per sciottarli e killarli.
GG, pronunciata giggì: è l’abbreviazione di Great Game e si usa per fare i complimenti a qualcuno che ha giocato bene o ha fatto qualcosa di buono.
Grindare (da to grind, macinare) o farmare (da to farm, coltivare): significa compiere a lungo un’operazione ripetitiva allo scopo di accumulare punti o abilità e far salire di livello il proprio personaggio.
Moddare (da to mod, abbreviazione di modify, modificare): vuol dire creare una mod, cioè una nuova versione che ha comportamenti o contenuti diversi rispetto al videogioco originale (detto vanilla).
Nerfare (da nerf, un materiale plastico usato per fabbricare giochi): significa depotenziare un personaggio o un’arma; lo si fa quando una potenza eccessiva rischia di generare squilibri; è il contrario di buffare (da to buff, lucidare).
Pushare (da to push): significa avanzare rapida mente respingendo o uccidendo le truppe nemiche.
PS: ho chiesto a mio figlio di rileggere le bozze dell’articolo per essere sicura di aver reso ogni termine nel modo giusto; naturalmente lui ha commentato che tutto questo è molto cringe (imbarazzante), ma ormai ci sono abituata.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui