RUBRICA - Cibo e Cultura

Abbiate Grasso, più che una città, un augurio!

In questi mesi di Expo mi capita spesso di visitare Milano e ogni tanto prendo la M2, la metropolitana “verde”. In direzione sud, uno dei capolinea è la stazione sotterranea di piazza Abbiategrasso. Il nome è quello dell’omonima località, una ventina di chilometri dal capoluogo lombardo.

Questo nome è un vero monumento storico. Non so se ci avete fatto caso: suona come un auspicio. È un augurio di grasso, cioè di abbondanza e di benessere, nella significativa accezione che i nostri antenati diedero a questa parola e a questa idea.

Per la verità leggo che il toponimo deriverebbe dal celtico “abia”, che vuol dire acqua, e potrebbe perciò significare “luogo d’acqua” (Abbiategrasso sorge proprio sulla linea dei fontanili). I romani l’adattarono alla loro lingua e il luogo forse si chiamò “Habiate”, dando nome alla “gens Abia” che vi era insediata. Più tardi, nel quattordicesimo secolo, un documento testimonia lo sdoppiamento del nome, indicando la località come “Habiate qui dicitur Grassus” ovvero: Abbiate, detto Grasso. Il secondo appellativo si riferisce alla “valle grassa”, il fertile territorio al centro della quale sorgeva l’abitato.

Ecco dunque comparire quella nozione di “grasso” che tanto piaceva alla cultura medievale. Se una città era reputata florida e felice, non poteva che essere “grassa”: vedi Bologna (ma la stessa Milano fu chiamata così, nel Medioevo). Se un gruppo sociale si distingueva per la sua ricchezza e per l’agio dei modi di vita, non poteva che essere il “popolo grasso”: così fu chiamata la potente borghesia mercantile che comandava a Firenze. Grasso doveva essere ogni cibo, per essere apprezzato. Grasso il formaggio, grassa la carne – tant’è che la Chiesa denominò “dieta di magro” il regime privo di carne che si doveva osservare il mercoledì e il venerdì, e tutta la quaresima, e in altri periodi ancora.

Insomma il Medioevo – carente di carne e di grasso – diede a questa nozione un valore assolutamente positivo, che noi, oggi, abbiamo trasformato nel suo contrario, ossessionati come siamo dall’eccesso di calorie e dal colesterolo che avanza.

Abbiategrasso è il nome che nel corso del Medioevo sintetizza le tradizioni toponomastiche della località: l’Abbiate dei romani e prima ancora dei celti; il Grasso del Medioevo. Messi insieme, i due nomi ne creano un terzo e ne viene fuori un divertente gioco di parole. Non c’è dubbio che questo gioco, a chi lo inventò, piacesse molto. Abbiate grasso, siate felici.

Nell’anno dell’Expo, l’auspicio – e l’impegno – è di condividere l’abbondanza con chi ha fame.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui