RUBRICA - Italiani brava gente

A Padova si lavora all’esoscheletro morbido

Se si cade bisogna rialzarsi. E’ una lezione della vita: tutti abbiamo imparato a camminare rimettendoci in piedi dopo un ruzzolone. Se si cadeva di sedere era meglio – il pannolone aiutava – se si cadeva in avanti faceva più male. Ma c’era la mamma a consolare e incoraggiare: «Non è nulla, dai, riprovaci. Bravo». Poi siamo caduti di bicicletta ed erano sbucciature sulle ginocchia grandi come pomodori; siamo caduti da un albero in giardino dove era meglio non salire, ma come fai a resistere; siamo caduti su un’interrogazione di matematica anche se avevamo studiato tantissimo, quasi 8 minuti, tutti di fila, sull’autobus che ci portava a scuola.

Poi, da grandi, siamo caduti e ci siamo rialzati al lavoro, nelle cose dell’amore, dal divano deve eravamo finiti stesi per mesi in un periodo nero davvero. Invece ad una certa età cadere diventa un rischio e rialzarsi è più difficile. Succede da anziani. Perché si è più fragili e cadere espone a possibilità di fratture, di finire in ospedale, di uscirne in carrozzella o con una disabilità che peggiora la vita. Quella dell’anziano e di chi gli sta vicino, con grandi costi sociali e sanitari. Si cade, da anziani, perché si inciampa nel tappeto che sta lì da sempre o nel cane che tiene compagnia. Si cade perché si diventa sempre un po’ più instabili: l’invecchiamento modifica il controllo muscolare e la percezione del proprio corpo nello spazio, condiziona la postura e la stabilità durante la marcia. L’instabilità è la prima causa di cadute.    

 All’Università di Padova, Dipartimento di Neuroscienze, lavorano a un rimedio. E’ l’“esoscheletro morbido con integrazione di biosegnali muscolari e cerebrali per ridurre l’instabilità della marcia”. L’esoscheletro è uno scheletro esterno, come il carapace dei granchi.

Ma questo è morbido, lo si indossa. E’ il super pantalone che aiuta l’anziano a non cadere. Ci hanno pensato insieme alla Harvard Medical School. Gli americani hanno messo a punto il pantalone che ha dentro dei piccoli motori che trasmettono forze controllate alle articolazioni per supportare il movimento di chi lo indossa.

Ma fin qui è roba meccanica, di buon livello, certo, ma fatta un po’ in serie. L’Università di Padova ci mette qualcosa in più: «Acquisiremo la cinematica articolare, cioè le modalità del cammino di ciascun individuo, associate all’attività cerebrale e muscolare», dice la professoressa Alessandra Del Felice. «I segnali cerebrali e muscolari saranno integrati nell’esoscheletro morbido e, individuando i segni di instabilità, invieranno un messaggio agli attuatori – i motorini nel super pantalone – per intervenire sul movimento e prevenire la perdita dell’equilibrio». Così l’anziano resta in piedi. Al progetto lavorano anche il dipartimento di Ingegneria con Emanuele Menegatti e il Laboratorio di analisi del movimento, con l’Unità di riabilitazione del prof. Stefano Masiero. Dietro c’è tutto il know-how dell’università di Padova nell’analisi dei segnali cerebrali, del movimento e dei software intelligenti per la robotica. Davanti la potenziale commercializzazione e un mercato enorme, perché la popolazione mondiale invecchia. Anche l’Università di Padova è anzianotta – nel 2022 compierà 800 anni – ma sta in piedi sempre meglio.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui