RUBRICA - Le parole per dirlo

Un libro ci salverà

«Interrogo i libri e mi rispondono. E parlano e cantano per me. Alcuni mi portano il riso sulle labbra o la consolazione nel cuore. Altri mi insegnano a conoscere me stesso.» Francesco Petrarca.

Sulla porta di quella che è considerata la prima biblioteca della storia umana, fondata, secondo la tradizione, nel IV secolo a.C. a Tebe, città egizia, capitale faraonica dalle cento porte, era incisa la scritta: psychès iatreion, ovvero luogo di cura per l’anima o medicina per l’anima. Che cosa era il luogo di cura e cosa la medicina per l’anima? La biblioteca, con i suoi  libri, naturalmente. La biblioteca sacra di Ramses. Lo racconta lo storico greco Ecateo di Mileto, giunto lì dopo lungo viaggio. Sono passati un po’ di anni, è ancora vero che i libri servono a curarci? E se sì, come mai si continua a registrare un calo di lettori? Vogliamo ammalarci? Non vogliamo guarire?

La giornata mondiale del libro si è celebrata il 23 aprile e i dati snocciolati per l’occasione dall’Istat e relativi all’ultima indagine italiana che risale al 2016 sono questi: lettori il 40,5% della popolazione, le donne in testa così come i giovani tra 11 e 14 anni. Dopo, il buio. C’è da dire che questi dati non tengono conto del fatto che in realtà si legge moltissimo e moltissimo si scrive, solo che non si leggono libri, ma status. Il rapporto con un libro è un’altra cosa, una relazione intima, una conversazione silenziosa (ma anche ad alta voce, perché no?) che ha luogo in barba alla distanza geografica e temporale: i morti parlano con i vivi e viceversa, le distanze vengono annullate. La magia della lettura è questa. Lo so, gli inviti alla lettura sono stucchevoli, sono noiosi, sono vecchi, sono una barba, soprattutto sono inutili, è che la magia della lettura non è una cosa che fa i botti, i fuochi artificiali, le scintille e che è facile da mostrare; per vederla, bisogna provarla e io non mi stanco di leggere a voce alta ovunque vada, anche solo tre righe, per provare a far entrare in quella magia chi non ci è mai entrato.

Maggio è tradizionalmente il mese del Salone del libro di Torino – quest’anno, il 31°, il tema sarà il futuro e verrà interrogato ponendo 5 domande essenziali: Chi voglio essere? Perché mi serve un nemico? A chi appartiene il mondo? Dove mi portano spiritualità e scienza? Cosa voglio dall’arte?

Con il titolo “Un giorno tutto questo” e l’immagine del fumettista e illustratore Manuele Fior che ritrae una donna (l’età è indefinibile, potrebbe essere una ragazza, ma anche una donna di mezza età) di spalle che guarda fuori da una vetrata il mondo davanti a lei e ha in mano un piccolo libro con il dorso rosso. Un amuleto. Un’arma. Un dizionario. Un binocolo. Una lente. Nutrimento, mappa e bussola. L’unica cosa davvero utile per fare un passo nel futuro: la conoscenza, lo scambio di pensiero. Quella donna con un libro in mano potrebbe sembrare anacronistica, e invece non lo è: quando mi capita di avere fantasie nere da imminente fine del mondo penso che tra tutte le cose, l’ultima a sparire sarà un libro e da quello si ricomincerà, sperando che sia bello.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui