RUBRICA - Cibo e Cultura

La festa, il cibo, l’abbondanza

Il  legame tra festa e cibo è un fondamentale dell’antropologia. Mangiare insieme, in modo più accurato e più abbondante del solito, serve ad auspicare, oltre la sopravvivenza, il benessere della comunità. Il cibo è festa, e la festa – che esorcizza la paura della fame – è anzitutto cibo.

I compagni di san Francesco discutevano un giorno su come allestire la tavola per la prossima ricorrenza natalizia: il Natale si sarebbe dovuto celebrare con un bel pranzo, ma quell’anno capitava di venerdì, giorno dedicato all’astinenza, alla mortificazione del corpo. Non venendo a capo della questione, chiesero il parere di Francesco. Lui spiegò che digiunare in un giorno di festa non è ammissibile, anzi è (in senso letterale) peccato. E dunque il Natale, la festa più grande dell’anno, come potremmo festeggiarlo se non a tavola, mangiando e rendendo grazie a Dio per il cibo che ci regala? Anzi vorrei – aggiunse Francesco – che in un giorno come questo tutti partecipassero al rito conviviale: uomini e animali, e gli uccelli dell’aria. Tutti. E perché non gli oggetti inanimati, perché non i muri? Che ne direste di ungerli di grasso, per farli partecipare al banchetto?

Francesco – continua Tommaso da Celano, che ci ha raccontato questa storia – era particolarmente devoto al Natale e «voleva che in questo giorno i poveri e i mendicanti fossero saziati dai ricchi, e i buoi e gli asini ricevessero una razione di cibo e di fieno più abbondante del solito». Una volta avrebbe detto ai suoi compagni: «Se mai potrò parlare all’imperatore, lo supplicherò di emanare un editto generale che imponga a tutti coloro che ne hanno la possibilità di spargere per le vie frumento e granaglie, affinché in un giorno di tanta solennità gli uccellini e particolarmente le sorelle allodole ne abbiano in abbondanza». L’immagine del Natale come festa universale si trasforma in una sorta di banchetto cosmico, all’insegna della fraternità e della solidarietà.

Ha ancora senso, oggi, nella società dei consumi assicurati e spesso troppo abbondanti, celebrare il Natale e le altre feste con una mangiata rituale? A prima vista si direbbe di no: almeno nei paesi ricchi, forme più distaccate di rapporto col cibo hanno rimpiazzato la paura della fame e i rituali di abbondanza. Di questo sarebbe ingrato lamentarci. Tuttavia, qualcosa dell’antico merita di essere preservato: festa potrebbe significare una maggiore attenzione al cibo, nel segno del rispetto di chi lo produce e lo prepara; un maggiore desiderio di condividere la tavola; una piccola riflessione sulla fortuna che abbiamo di poter scegliere il cibo secondo il nostro gusto; una sosta in cucina per assaporare, al di là delle vivande, le tecniche e i saperi, la cultura che le rende possibili. Tutto ciò non sarà conservazione dell’antico ma dell’antico rispetterà, rinnovandoli, i valori più profondi.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui