Le forchette e i maccheroni nell’Italia del 1300

Cesenatico, 1361. Sulle banchine del porto, un gruppo di mercanti fiorentini sta scaricando le sue mercanzie quando irrompe un gruppo di armati al comando di Giovanni Manfredi, residente nel castello di Bagnacavallo dopo essere stato cacciato da Faenza. I suoi uomini assaltano i mercanti e fanno man bassa dei loro …

La ghianda e la quercia

«La quercia nasce dalla ghianda. Ma questa diviene e resta quercia soltanto mediante condizioni ambientali favorevoli, le quali non dipendono più dall’embriologia».Questa semplice riflessione è contenuta nell’Apologia della storia (sottotitolo: Il mestiere di storico) di Marc Bloch, il più grande storico del Novecento. La metafora della quercia e della ghianda …

Quando il vino è… da mangiare

Il Baccanale di Imola, la festa che ogni anno a novembre la città romagnola dedica alla cultura del cibo, quest’anno ha come titolo “Bacco in cucina” e si propone di mostrare come il vino abbia un ruolo fondamentale non solo per accompagnare il cibo a tavola, ma già prima, in …

La tigella finita sulle Alpi

Quest’estate sono andato in vacanza sulle Alpi e durante il viaggio ho fatto sosta a Rovereto per un panino (mi piace uscire dall’autostrada, i panini in città sembrano più buoni). In un piacevole bar del centro mi ha colpito il menù, indicato su una lavagna all’ingresso. In primo piano comparivano …

Mangiare in cielo?

Qualche tempo fa ero a Bruxelles e passeggiavo in direzione del “Monte delle Arti”, la zona alta della città in cui si concentrano musei, biblioteche e centri culturali. Mi avvio sui gradini della lunga scalinata e vedo lassù in cima una enorme gru con un carico pendente. Ci saranno dei …

Umili argomenti? Cibo e media da Piovene a oggi

«Venendo a umili argomenti, direi che la diversità tra l’Emilia e la Toscana si scorge anche nel suo modo di alimentarsi». Così Guido Piovene introduceva alcune considerazioni sulla cucina toscana (che definiva «un’arte», mentre in Emilia trovava più «passione») nel suo celebre Viaggio in Italia, un fortunato ciclo di trasmissioni …

Il cibo ringrazia la macchina del freddo

Gioco di prima estate. Immaginare che in casa non ci sia il frigorifero. Tutto d’un colpo cambierebbe: il rapporto col cibo, l’organizzazione dei pasti, il sistema dei sapori, il ritmo stesso della vita quotidiana. Che il freddo aiuti a conservare gli alimenti non è mai stato un segreto. Fin dall’antichità …

La cultura del selvatico

“Noma” è un ristorante di Copenaghen a cui è stato recentemente assegnato il primo posto nella classifica dei cinquanta migliori ristoranti del mondo. Queste classifiche sono evidentemente assurde (lo stesso chef del “Noma”, René Redzepi, ammette che “sarebbe come decidere qual è il colore più bello”). Ma il caso è …

Pane e pomodoro. Se il gusto diventa memoria

Una fetta di pane abbrustolito. Un piccolo pomodoro fresco. Tagliato in due, il pomodoro si sfrega sul pane e gli dà un colorino rosso pallido. Volendo, si può aggiungere una sfregatina di aglio. Volendo, una spruzzata d’olio. Ma i due elementi base restano il pane e il pomodoro. Due prodotti …

La ricchezza della cucina degli avanzi

Lo spreco – non solo alimentare – è figlio della società dei consumi. Prima ancora che un’abitudine è un atteggiamento mentale, un’idea che il boom economico ci ha indotto a considerare normale, addirittura “buona” perché tiene in vita e sollecita i processi produttivi. Oggi, però, lo spreco è sotto accusa, …