Viva la tavola di Natale (che non sarà mai un tavolo)

Ci avete fatto caso?  Da un po’ di tempo, “tavolo” è diventato sinonimo di “discussione pubblica”. Se l’associazione degli industriali vuole parlare con i sindacati, organizza un tavolo. Se un partito vuole allacciare rapporti con un altro, organizza un tavolo. Apro a caso internet, alla voce “tavolo”. Oggi (11 novembre) …

Orti e cortili, spazi di libertà (non solo alimentare)

“Anno internazionale dell’agricoltura familiare”: così le Nazioni Unite hanno deliberato di nominare il 2014. A questo tema – la produzione familiare, il cibo di prossimità – è dedicato il Baccanale che si svolge a Imola e dintorni fino al 23 novembre. Titolo di questa edizione: “Orti e cortili fra campagna …

La parmigiana di melanzane che non viene da Parma

La cucina italiana ha un’impronta fortemente cittadina: fin dal Medioevo, le città hanno costruito attorno a sé, nelle campagne circostanti, un ‘distretto’ politico ed economico basato sul controllo urbano delle risorse rurali. A cominciare da quelle alimentari. In questo modo la cultura cittadina si è impadronita della cultura contadina, dominandola …

Perchè mangiamo? (e non è una domanda oziosa)

Sembrerebbe una domanda oziosa, addirittura stupida: perché mangiamo? In realtà, le cose sono più complicate di quanto sembrano. Mangiamo per vivere, è chiaro. Il cibo è il nostro carburante. È la fame ad avvertirci: attenzione, il motore è in riserva. Ma subito si innescano altre motivazioni, altre suggestioni. Tanto per …

Se le ciliegie tolgono spazio al pollo fritto

Ai primi di giugno sono stato a una sagra di paese sulle prime colline dell’Appennino romagnolo. Ingredienti, quelli classici di ogni manifestazione del genere: musica, giochi, bancarelle, uno stand gastronomico con polenta e pastasciutta, vino alla spina, pizza fritta, salumi. Sul prato, un chiosco con vino, birra e caffè.  Di …

“Fatto in casa” è meglio. In cucina si torna alle origini

Il pane? Lo facciamo noi. La pasta? Fatta in casa. La birra? Artigianale. Le marmellate? Le verdure dell’orto? Tutta roba nostra.  Ormai, “fatto in casa” è sinonimo di qualità e di bontà. Il collegamento non sarebbe, a dire il vero, così automatico. Ogni volta che sento dire “fatto in casa” mi …

Pane perduto o guadagnato? L’importante è non sprecare il cibo

«Il pane di ieri è buono domani», dice un proverbio da cui prende avvio un libro recente di Enzo Bianchi, dedicato alla cultura del cibo nella tradizione contadina, alla sapienza con cui la società rurale ha elaborato pratiche intelligenti di recupero e di riuso degli “avanzi”, mai concepiti veramente come …

Oro e zafferano. Cucinare il bello (che spesso è anche buono)

Colorare di giallo le vivande – il riso, la pasta, le torte, le creme – era per i cuochi medievali un modo di portare in tavola la felicità e il calore del sole. Felicità e calore che in quella stessa epoca gli artisti portavano sulle tele, a illuminare e impreziosire …

La pizza e la forchetta di Bill De Blasio

Il mese scorso abbiamo parlato della forchetta e della sua precoce diffusione in Italia, in parallelo con il consumo di pasta, un cibo bollente e scivoloso difficilmente gestibile con le mani, che caratterizza fin dal Medioevo la cucina del nostro paese. La cronaca delle ultime settimane mi spinge a tornare …

Le forchette e i maccheroni nell’Italia del 1300

Cesenatico, 1361. Sulle banchine del porto, un gruppo di mercanti fiorentini sta scaricando le sue mercanzie quando irrompe un gruppo di armati al comando di Giovanni Manfredi, residente nel castello di Bagnacavallo dopo essere stato cacciato da Faenza. I suoi uomini assaltano i mercanti e fanno man bassa dei loro …