Costano poco e sono per tutte le età. Per fare passeggiate o maratone; timidi passi “pattinati” o gare di velocità; salti dai muri o tranquilli allenamenti aerobici in piano, allo scopo di dimagrire e tonificare gambe e glutei o per muoversi in maniera armonica come nel nordic walking grazie all’ausilio dei bastoncini (da non confondere con lo skiroll, lo sci a rotelle).
Sono un’infinità le sfumature di utilizzo per chi decide di praticare il pattinaggio in linea e calzare i corrispondenti pattini, in-line skates, più conosciuti come “rollerblade”, dal nome dell’azienda italiana che introdusse questo roller a 4 ruote allineate e ammortizzate, più lo scarponcino rigido incorporato, che tanto ricorda i pattini da hockey su ghiaccio.
La disciplina è esplosa negli anni Ottanta sulle coste della California, da noi è sbarcata a partire dai Novanta e il suo sviluppo è stato rapido come in tutto il mondo. Oggi i rollerblade hanno completato la loro ascesa e nel settore sono considerati una “rivoluzione”, avendo confinato i tradizionali pattini a rotelle (quad) alla danza artistica o all’agilità su strada. Molte le tipologie, come si diceva: dai rollerblade “da corsa” a quelli “da strada”,  dalla variante “da fitness” a quella “da acrobazia” o per l’hockey su pista. E ce ne sono in commercio di economici che coprono 4 taglie accompagnando così la crescita del bambino. Ma non molti sono i luoghi in cui è consentito pattinare liberamente, almeno in Italia (vedi boxettino), non essendo equiparati a mezzi di trasporto. E tantomeno, ovviamente, sono equiparati i monopattini (di moda il modello “scooter”, con la ruota davanti più grande o le 4 ruote e il deck basculante) o le scarpe a rotelle (luminose o no), amate dai giovanissimi.
Pattinare in linea è un divertimento, un fitness  alternativo ma anche uno sport regolamentato dalla Fiph, la Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio. Che non riconosce tuttavia la variante “aggressive” praticata su rampe, muretti o corrimano, contemplata da altre associazioni sportive. 
Ma cos’è importante valutare prima dell’acquisto? 
Uno dei punti più delicati è rappresentato dalle ruote, del diametro variabile tra i 50 e i 110 millimetri. Le più piccole si addicono maggiormente ai principianti, le più grandi agli “skater” che cercano la velocità a discapito della stabilità e della manovrabilità. Ogni tanto la loro posizione va invertita perché tendono ad usurarsi in modo difforme. Un treno di  8 ruote di ricambio può costare fino a 100 euro per chi pratica la corsa. Da considerare, come già per gli skateboard (vedi articolo), la durezza, indicata con la lettera A. Solitamente i rollerblade hanno un unico freno collocato dietro il pattino destro (intercambiabile) e “a tampone”, che si attiva alzando il piede, o meccanismi che scattano spostando indietro il tallone. Gli esperti consigliano di indossare due paia di calzini, uno più spesso e l’altro più sottile (ma chi fa corsa entra a piede nudo nella scarpa realizzata mediante un calco), e le protezioni di sicurezza già viste per gli skateboard. Non vanno dimenticate le polsiere: un incidente su tre causa la distorsione o la rottura proprio di questa parte del corpo.

Le mani sul portafogli

Pattini in linea low cost
a partire dai 40-50 euro, per principianti

Pattini in linea di “fascia media”
da 50 a 150 euro

Pattini in linea professional
da 150 a 700 euro 

Scarpe con rotelle e monopattini
a partire da 40-50 euro

I prezzi sono indicativi e soggetti alle variazioni del mercato

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui