Il tema dell’obsolescenza programmata si collega  quello del ciclo di vita di un prodotto e della sua riparabilità. In un’ottica di economia circolare,  che è opposta alla filosofia dell”usa e getta, la vita di un prodotto dovrebbe allungarsi riducendo così il problema dello smaltimento di enormi quantità di rifiuti.  Gli snodi sono quelli del riciclo, del riuso e, appunto, della riparabilità, una strada oggi spesso impraticabile, vuoi perché n0n esistono i pezzi di ricambio, vuoi perché è sempre “troppo costoso” l’intervento. Le statistiche, infatti, dicono che il  50% degli italiani non ripara un grande elettrodomestico e un 36% rinuncia a con un dispositivo hi-tech a causa proprio degli alti costi (Altroconsumo di settembre). In testa, troviamo il frigorifero rotto (che il 34% non aggiusta perché costerebbe troppo nonostante sia percepito come bene durevole) e gli smartphone con problemi di funzionamento (il 60% se li tiene e preferisce cambiare il telefono, superati i primi anni di vita).

Legato ai costi c’è il problema del diritto alla riparazione e alla reperibilità dei pezzi di ricambio. Qui molto importante è la direttiva europea sull’Ecodesign, che si occupa della progettazione ecocompatibile. Per facilitare la riparazione di un prodotto e “tenerlo in vita”, la Commissione Ue sta lavorando alla revisione della direttiva, recepita in Italia nel 2016, in attesa del voto del Parlamento europeo. Sarà istituito il diritto alla riparabilità, con l’introduzione di un indice di riparabilità tra i parametri dell’etichetta energetica e, dal 2021, entreranno in vigore nuove normative sui pezzi di ricambio nei grandi elettrodomestici tali da garantirne la reperibilità per 7 anni fino (per la lavatrice) a 10 anni, anche quando un prodotto è tolto dal mercato. Il tempo di consegna massimo dei ricambi dovrà essere di 3 settimane e saranno i centri di riparazione professionali a ricevere materiali e manuali, il che ha sollevato la reazione degli esperti del “fai da te”. Ai produttori verrà chiesto di impegnarsi, già in fase di progettazione, nell’utilizzare tecniche che faciliino la riparazione e una maggiore “longevità” dei prodotti.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui