Il pomodoro da trasformazione è una filiera molto importante, che Coop segue con particolare attenzione. Il settore agroalimentare viene infatti presidiato con un approccio di “filiera” e cioè controllando i passaggi dal campo alla tavola dei consumatori, con una gestione basata sull’analisi del rischio e sulle segnalazioni, anche scarse. Per le filiere particolarmente a rischio, Coop coinvolge nei controlli anche le aziende agricole, attraverso un monitoraggio specifico. In caso di non conformità al Codice di condotta etico, viene richiesto un immediato piano di miglioramento o, in relazione alla gravità, si arriva anche a escludere i fornitori e i subfornitori coinvolti.

Questi controlli, oltre ad analisi di contesto preliminari (che comprendono contatti con interlocutori esterni quali Ong, giornalisti, soggetti impegnati sul fronte della legalità), consistono in ispezioni eseguite con tecniche particolari e auditor specializzati, e prevedono, oltre alle verifiche formali sulla documentazione contrattuale e amministrativa, interviste anonime ai lavoratori. Per le conserve di pomodoro, in particolare, vengono usati solo pomodori italiani e da oltre 15 anni, oltre al lavoro preventivo che viene sistematicamente messo in campo dagli stessi fornitori (con le loro verifiche e la sensibilizzazione di tutta la filiera).

Anche quest’anno quindi, come tutti gli anni dal 2005, sono state effettuate verifiche in tutte le zone di produzione per il prodotto a marchio Coop (nel Sud e Nord Italia), controllando tutti i fornitori ed effettuando audit fino alle aziende agricole del pomodoro  (77). Le regioni interessate sono state Puglia, Campania, Emilia-Romagna, Toscana e Lazio e nello specifico le province di Foggia, Lecce, Taranto, Brindisi, Salerno, Caserta, Ferrara, Piacenza, Ravenna, Viterbo e Livorno.

Secondo Coop, continua a migliorare costantemente la consapevolezza e la gestione della sicurezza dei lavoratori: vengono infatti registrati buoni risultati anche per quanto riguarda le tematiche previste dal codice etico e nella norma SA8000 (no a lavoro forzato e obbligato, al lavoro minorile, alle discriminazioni di qualsiasi tipo, e sì al rispetto di contratti, retribuzioni, orari di lavoro eccetera). Non sono state rilevate non conformità critiche nemmeno da quanto emerso dalle interviste anonime ai lavoratori. Tutte le aree di miglioramento rilevate, comunque, verranno condivise con le aziende, concordando come mettere in pratica piani mirati. 

Inoltre cresce, sebbene lentamente, l’adesione alla Rete del lavoro agricolo di qualità da parte delle aziende agricole della filiera.

Infine, contestualmente all’attività sul pomodoro da industria, anche quest’anno Coop ha verificato tutti i fornitori di pomodoro fresco per la passata, effettuando audit nelle aziende agricole  di Puglia, Emilia-Romagna, Toscana e Lazio. Anche in queste è stata rilevata una buona gestione su salute e sicurezza, paghe. Dalle interviste risultano inoltre ambiente lavorativo e clima aziendale buoni.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui