Carte_di_credito.jpg“La lotta all’evasione fiscale e al riciclaggio passa necessariamente attraverso il potenziamento dei pagamenti elettronici come unico strumento per garantire la tracciabilità”. E’ quanto ribadisce Antonio Longo, Presidente del Movimento Difesa del Cittadino, sulla scia del G7 finanziario che si è svolto in Inghilterra 4 giorni fa e che ha posto la lotta all’evasione come obiettivo comune. “Il G7 ha confermato la necessità di una nuova e attenta regolamentazione e di nuovi accordi da parte dei decisori europei ed italiani per una capillare diffusione dei pagamenti elettronici che tutelino anche i consumatori” precisa Longo.

Riprendendo i dati presentati nel corso di un convegno sui sistemi di pagamento tenutosi ieri a Bruxelles all’European Institute, Longo ha richiamato in particolare gli esempi degli interventi sul tema portati avanti in Australia e Spagna negli ultimi anni. “In entrambi i Paesi, il regolatore ha maldestramente e arbitrariamente abbassato le commissioni interbancarie, nel tentativo di promuovere il maggiore utilizzo dei pagamenti elettronici. Il risultato maggiormente evidente è stato uno sbilanciamento dei costi a danno dei consumatori finali: in Australia, il costo complessivo per i consumatori è stato di 500 milioni di dollari; in Spagna, invece, il costo per il possesso delle carte è aumentato del 50% tra il 2006 e il 2010” ha commentato il Presidente di MDC.

“La Commissione  UE, nel valutare un potenziale intervento per rendere trasparente l’uso delle carte di pagamento, dovrà necessariamente tener conto dei dati empirici sugli effetti di un’abolizione di tali commissioni, o di una riduzione delle stesse”. L’alterazione dell’equilibrio di mercato si traduce non solo nella distorsione della concorrenza, ma anche in un danno economico per la collettività, e per i possessori di carte di credito, che saranno gravati da costi di gestione più alti, proprio come dimostrato dalla ricerca sul caso spagnolo condotta dall’Università Autonoma di Madrid Rey Juan Carlos. “Puntiamo sugli incentivi all’utilizzo della moneta elettronica, in particolare mediante la previsione di detrazioni fiscali per coloro che privilegiano metodi di pagamento tracciabili. Non sempre la regolamentazione a tutti i costi è la soluzione più auspicabile per il consumatore” ha concluso Longo.

16 maggio 2013

fonte: helpconsumatori

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui