Consumi

Nuove televisioni: “Siamo al centro di una rivoluzione”

Sul tema del mercato televisivo abbiamo intervistato Augusto Preta, docente di economia dei media, direttore generale di It Media Consulntig.

Professore, l’ultimo rapporto di ITMedia Consulting sul mercato televisivo in Italia 2019-2021 è intitolato “Al centro della rivoluzione”. A cosa alludete?
All’esplosione a livello globale dello streaming video online, cioè all’utilizzo sempre più massiccio dei video come modalità comunicativa via Internet. Da Netflix ad Amazon a Dazn ai vari servizi on demand (Svod), negli ultimi due o tre anni stiamo assistendo a una veloce trasformazione. E più di recente vediamo sulle piattaforme contenuti anche live che finora erano riservati alle sole offerte premium. Tutto questo ha finito per determinare un ambiente che in certi Paesi ha già sostituito la tradizionale Tv a pagamento, e in altri, come il nostro, è ancora complementare e non sostitutivo rispetto anche al satellitare e al digitale terrestre. Per il momento, sottolineo…

Qual è il quadro televisivo europeo e come si colloca l’Italia? In Italia, anche per numero di abbonati, Netflix non ha sostituito ancora la Tv a pagamento, ma ci sono segnali che ciò possa avvenire. Tutto è partito dagli Stati Uniti, con il Nord Europa che, a cominciare dalla Scandinavia, è praticamente nella medesima situazione. Il Regno Unito si sta avvicinando al modello americano, idem la Germania e la Francia, mentre Spagna e Italia sono più o meno allo stesso livello, stanno recuperando: in questi Paesi Netflix è stato lanciato un anno dopo e ciò spiega il ritardo.

L’offerta di contenuti con l’arrivo di Netflix e ora di Disney è sempre più parcellizzata. Con quali effetti sul pubblico? Il pubblico di questi servizi online tende a essere trasversale per fasce d’età e del tutto distintivo rispetto ad altre forme di consumo. Prendiamo i giovani, ad esempio. Avendo la possibilità di fare abbonamenti plurimi, fino a tre o a quattro utenti, se li scambiano e vedono così serie televisive e altri contenuti ai quali non accedevano da tempo nella Tv tradizionale. Altri, pur avendo l’abbonamento a Sky, hanno anche un accesso a Netflix o a Tim Vision, che presentano costi più ridotti. I giovani è come se avessero un device “trasparente”: se sono interessati a qualcosa, la vedono ovunque, sullo smartphone, al pc o sullo schermo. Se guardiamo, invece, a un pubblico più tradizionale, questa tendenza alla fruizione sul web si nota soprattutto nelle aree metropolitane. Dobbiamo sempre ricordare che in Italia il 25% delle famiglie non dispone ancora di Internet.

Sommando gli abbonamenti potrebbe venir voglia di streaming illegale… Non abbiamo mai misurato questo fenomeno, ma fondamentalmente va detto che lo streaming riduce la pirateria. Una volta i film su Internet erano tutti piratati o quasi. Oggi Netflix e gli altri player hanno dato la possibilità a chi è interessato di vederseli legalmente, il che ha presumibilmente ridotto l’impatto della pirateria se non in numeri assoluti, dato l’aumento della mole di trasmissioni dati, quanto meno in termini percentuali.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui