Se i trend attuali non cambiano nel 2050 sulla terra saremo 9,8 miliardi di persone (contro i 7,6 attuali), cioè il 30% in più. Il 68% vivrà in aree urbane (oggi è il 55%) e avremo 2,4 miliardi di auto circolanti (oggi sono 1,1). Le emissioni di Co2 arriveranno a 43 miliardi (con un 26% in più) e i raccolti caleranno del 10% a causa di eventi climatici e degrado del suolo.

Anche se noi italiani siamo molto concentrati (e spaventati) sul nostro presente, il Rapporto Coop 2018 parte da una visione ampia delle cose, proprio per ricordare a tutti che ogni scelta che facciamo (oggi) deve tener conto delle ricadute che produrrà su un futuro non lontano e piuttosto complicato.

«La necessaria riflessione sul domani – spiega Albino Russo, curatore del Rapporto e direttore di Ancc-Coop – si scontra con il dato di diseguaglianze che continuano ad accentuarsi e che negli ultimi anni hanno colpito anche la classe media dei paesi sviluppati». Se tanto, anche in paesi come Cine e India si sta muovendo, resta il fatto che il Pil procapite in India è di 6 mila dollari, in Cina e Brasile di 14 mila, contro i 34 mila di Italia e Spagna, i 38 mila della Francia, i 44 mila della Germani e i 53 mila degli Stati Uniti. Se poi si va a guardar dentro ai singoli paesi si scopre che le diseguaglianze (calcolate in base all’indice Gini dove zero è il massimo di eguaglianza) sono più alte specie in Italia (0,333), Spagna (0,345) e Usa (0,391), rispetto a Danimarca (0,263), Svezia (0,282) e anche Francia (0,295) e Germania (0,293).

Sul piano dei consumi l’Italia arranca: dal 2007 a oggi la perdita di potere d’acquisto è stata pari a 81 miliardi di euro. Di questi 31 miliardi mancano ancora ai consumi complessivi, gli altri 50 sono venuti meno ai risparmi.

Da questo quadro complicato il Rapporto Coop prova a individuare alcune tipologie di comportamento degli italiani, suddividendo la popolazione in 4 gruppi: c’è un 17% di “esploratori”, la parte più benestante e dinamica, pronta a sperimentare nuovi stili di vita; poi ci sono un 39% di “curiosi”, interessati al futuro ma più pragmatici e con meno ansia di innovare; poi c’è un 19% di “tradizionalisti” che si accontentano di una quotidianità serena e sicura; infine c’è un 26% di “nostalgici”, cioè persone insoddisfatte, preoccupate del futuro e dunque che rimpiangono ciò che avevano nel passato. Chiaro che questa classificazione è strettamente legata al reddito, ma anche al livello culturale con una ricaduta diretta nello spostare i comportamenti sull’asse tra benevolenza e rancore.

Se la politica, i partiti, assieme a banche e sindacati svettano nella “lista nera” dei meno amati, c’è però un tema su cui invece c’è una positiva sensibilità in aumento ed è quello dell’ambiente.

«Gli italiani – spiega Albino Russo – sono primi in Europa come sensibilità su questo fronte. Un 90% di persone ritiene che l’ambiente abbia effetto diretto sulla qualità della vita, contro una media europea del 76%.  In più un 57% di concittadini dice di aver cambiato le sue abitudini per ridurre l’inquinamento, agendo sugli spostamenti, sulle abitudini in casa o sui consumi alimentari».

Un altro fronte su cui gli italiani primeggiano è quello del cibo. Pur in un quadro di consumi stagnanti, con 2.428 euro pro-capite all’anno, siamo davanti a Francia (2.353 euro), Germania (2.019 euro) e Spagna (1.817 euro) per acquisti. Analizzando i diversi comparti, se forse non stupisce che siamo primi per incidenza della spesa per pane e pasta (15,9%), un plauso va al fatto che anche per frutta e verdura svettiamo (21%), mentre invece siamo ultimi (5,8%) per gli alcolici.

«Anche qui però – prosegue Alibo Russo – pesa la polarizzazione che premia chi ha redditi medi e alti e chi abita nelle regioni del nord». Comprensibile quindi che continuino a crescere prodotti che magari costano qualcosa in più come i cosiddetti “free from” (cioè senza sale, zuccheri, lattosio, ecc.), i prodotti etnici e quelli pronti per l’uso. Ma se si va più in dettaglio si scopre che, dopo aver sperimentato e provato, i consumatori alcune cose decidono di tenerle nel carrello e altre di eliminarle o almeno ridurle: così calano i prodotti a base di kamut o il tofu e il seitan.

Redazione

Redazione

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui