obesit.jpgLa crisi fa ingrassare i bambini. Proprio così: il sovrappeso e l’obesità sono in aumento nei paesi sviluppati che vivono periodi di recessione economica. Se gli italiani adulti non risultano aumentati di peso, al contrario dei francesi, degli svizzeri, degli australiani e dei messicani il cui peso aumenta in media del 3% all’anno, i nostri bambini sono al secondo posto nella classifica che riguarda la fascia di età fra i 5 e i 17 anni. Lo attesta l’aggiornamento del report sull’obesità dell’Oecd, l’Organizzazione per la cooperazione economica e lo sviluppo, presentato al Congresso europeo sull’obesità in corso in Bulgaria. Il 36% nelle bambine e il 34% dei bambini in Italia è grasso.

Ci superano solo i greci, al primo posto. Fra i primi 10, dopo di noi, ci sono i giovani neozelandesi, gli sloveni e poi gli adolescenti negli Stati Uniti. Seguono il Messico, l’Ungheria, il Portogallo, il Cile, la Spagna. “La crisi mondiale che ha colpito le famiglie nel 2008 ha contribuito all’aumento dell’obesità – spiegano i ricercatori Oecd nel report – La recessione ha indotto le famiglie a tagliare le spese, inclusi gli alimenti più costosi, come la frutta e la verdura, a favore di cibi e bevande più scadenti, meno salutari “.

“Il peso dei bambini italiani è stabile – precisa Giovanni Corsello, presidente della Società italiana di pediatria, ordinario Pediatria all’Univerità di Palermo – ma il nuovo report ci segnala che la crisi fa tendere a comprare più alimenti spazzatura, ricchi di grassi e zuccheri, che costano meno. Questo fenomeno incide sulle prime età della vita – prosegue Corsello – Il primato della Grecia si spiega proprio alla luce del fenomeno della crisi economica e delle disparità sociali. Da noi infatti persiste una differenza fra le regioni.
I tassi più alti di bimbi obesi riguardano il Sud con un incremento del peso del’1% all’anno. Nel Nord il peso è invece sceso del 2% nell’ultimo anno”. “E’ urgente – conclude Corsello – definire progetti e strategie di prevenzione comuni, col contributo di istituzioni, scuole, media, medici, società scientifiche per avviare un progetto condiviso. Fino ad oggi non si è riusciti a farlo”.

28 maggio 2014 – fonte: ANSA

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui