Anziani.jpg Normali dimenticanze o seri problemi di memoria di cui eventualmente parlare col proprio medico? I consigli per capirlo e qualche suggerimento per allenare la memoria arrivano online sul sito del prestigioso National Institute of Aging americano.
Tanto per cominciare, è spiegato dagli esperti del Alzheimer’s Disease Education and Referral Center, se semplicemente avete dimenticato dove avete poggiato le chiavi di casa o gli occhiali, niente paura perché sono dimenticanze che possono capitare a tutti e che con l’età è normale diventino più frequenti.

Se questo è il caso, allora si può fare molto per allenare la memoria e anche per aiutarsi nella vita di tutti i giorni, spiegano gli autori del NIA: innanzitutto può essere utile riporre portafoglio chiavi e occhiali sempre nello stesso posto, usare dei semplici strumenti per tenere a mente le cose come un calendario, dei post it o delle liste di cose da fare. E’ utile per allenare la memoria non isolarsi, avere relazioni sociali e anche svolgere attività di volontariato, vedere i parenti, i nipoti. Non solo, anche riposare bene, fare esercizio fisico e mangiare sano sono tutti stili di vita che difendono la memoria.

Quando invece bisogna preoccuparsi che qualcosa non va alla nostra memoria? Quando, spiegano gli esperti, le dimenticanze diventano gravi, ad esempio quando si incontrano difficoltà in semplici attività come fare spesa, quando ci si ritrova a fare le stesse domande più e più volte, quando ci perdiamo in posti a noi ben noti, quando si entra in confusione circa dei luoghi, delle persone o sul tempo. Altri segnali sono rappresentati dal dimenticarsi di prendersi cura di noi stessi, dal mangiare al lavarsi.

Cosa fare in questi casi? Bisogna consultare il medico e capire con il suo aiuto cosa possa esserci dietro i problemi di memoria gravi che si incontrano. I motivi possono essere vari: le difficoltà e la confusione possono essere dovute a certi farmaci di cui si fa uso, a carenze vitaminiche , a eccessivo consumo di alcolici, ma anche a problemi circolatori a livello cerebrale, problemi epatici o renali. Naturalmente anche la demenza può essere una causa di gravi deficit di memoria.

Quindi è importante parlarne col proprio medico che suggerirà degli esami da eseguire, un completo check-up di salute con esami del sangue e urine, test cognitivi e se necessario un esame di imaging del cervello (Tac, Pet o risonanza).

fonta: ansa

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui