Bimbo_alimenti.jpgSecondo una ricerca della Booth School of Business dell’Università di Chicago: i bambini (in questo caso Usa) rifiutano gli alimenti nutrienti e sani, dando per scontato che proprio per questo non possano essere appetitosi. Spiega Ayelet Fishbach, professoressa di scienza del comportamento e marketing, che ha condotto l’indagine: «I bambini in età prescolare tendono a pensare che il cibo non può avere due scopi: non può essere qualcosa che li rende più sani e al tempo stesso buono da mangiare». 

E, infatti, lo studio ha dimostrato che l’interesse dei bambini diminuiva se veniva detto loro che gli alimenti li avrebbero aiutati a raggiungere un risultato, come diventare più forti o imparare a leggere. «Quindi, se diciamo che le carote li aiuteranno a crescere o a diventare più intelligenti, loro non vorranno mangiarle», aggiunge Fishbach. Dunque se vogliamo far mangiare a un bambino le carote – consigliano i ricercatori – bisogna dirgli che sono buone oppure non dire nulla. E, al contrario, che le patatine fritte, i gelati, gli snack fanno bene alla salute e fanno diventare grandi…

Benservito

Ma basterà questo per convertire un esercito di bambini affamati di hot dog al pinzimonio e alle verdure? «Bisogna far capire ai piccoli che mangiare sano è saporito. Spesso si crede che un’alimentazione corretta non sia buona, ma è un mito da sfatare. Per questo consiglio ai genitori di non dire ai propri figli “ti fa bene”, ma “assaggia quanto è buono” – risponde dalle colonne del sito alimentazionebambini.e-coop.it Margherita Caroli, pediatra esperta in nutrizione, consulente dell’Unione europea -. In più, mangiare in maniera corretta serve ad ampliare lo spettro dei sapori. Ma è necessario anche che i genitori diano l’esempio, mangiando ciò che propongono al bambino». 

E qui casca l’asino. «I genitori sono influenzati dalla cultura del piacere e del piacere nel mangiare. Per cui fanno fatica poi a trasmettere ai figli sani stili alimentari. E ancor più ad essere dei buoni esempi per i figli», spiega Carla Collicelli, sociologa e vice direttrice del Censis, autrice del saggio “Stili di vita e culture del bere in Italia”.  

La piccola abbuffata

Nessuna meraviglia quindi che negli ultimi anni in Italia coesistano due tendenze contraddittorie «che vedono il diffondersi, da un lato, della consapevolezza e dell’importanza di una corretta alimentazione e di una lotta agli abusi e, dall’altro, quello di consumi rischiosi per la salute, sia nell’alimentazione che con le bevande e i farmaci». 

E l’analisi della sociologa chiarisce che cosa sta succedendo nella società contemporanea, per la verità non da ora: «Si acquista sempre meno per necessità e sempre più per il gusto e il piacere ed il consumatore ha raggiunto di fatto un notevole grado di saturazione nei confronti dei prodotti. E ciò comporta che sia cresciuto a dismisura il peso attribuito al valore estetico del prodotto e all’acquistare per piacere e non per bisogno.  E i bambini si sono trasformati in piccoli consumatori che sanno quello che vogliono e come ottenerlo. Fin da piccolissimi. 

Ma per Susanna Russo, neuropsichiatra infantile presso l’Azienda ospedaliera “Luigi Sacco” di Milano e responsabile dell’ambulatorio dei disturbi del comportamento alimentare “Sacco pieno… sacco vuoto”, il vero problema sta altrove: «Lasciando da parte i risultati della ricerca dell’Università di Chicago che rimanda a una cultura alimentare diversa dalla nostra, direi che attraverso l’alimentazione che è tema centrale nell’infanzia, perché si vuole che i figli crescano bene, si manifesta un disturbo che è in realtà della relazione. 

Questo ci raccontano i tanti casi che vediamo negli ambulatori italiani: famiglie in cui i genitori lavorano, che hanno difficoltà a mettere delle regole in ogni ambito, compreso quello alimentare, che non riescono a modulare l’accettazione del cambiamento da parte del bambino (nel passare dallo svezzamento a un’alimentazione più evoluta, la nascita di un fratellino, l’inserimento all’asilo ecc.), rispettando i suoi tempi. Madri e padri che tendono ad assecondare sempre e comunque i figli – prosegue Russo – per il senso di colpa determinato dallo stare poco con loro e che, purché mangino qualcosa, accettano i “piccoli ricatti” di bambini alla ricerca d’attenzione». 

Il piatto piange

“Mangio solo se…” : quale genitore non ha sentito almeno una volta questa frase uscire dalla bocca del figlio? «E un errore comune dei genitori è proprio offrire delle ricompense in cambio di un pranzo completo», rileva la neuropsichiatra infantile. E Giovanna Carlo, psicoterapeuta e segretario Arpa (Associazione per la ricerca in psicologia analitica) di Roma, completa il quadro: «Si sono chiariti i diritti dei bambini, ma non i doveri, come quello di obbedire ai genitori, seguire le regole ecc. Oggi i bambini, soprattutto italiani, sono accuditi come re, figli del piacere, abituati ad avere tutto e subito. Un fatto è certo: quella di orientare i gusti dei figli e resistere alle loro bizze ha tutta l’aria di una missione, quasi impossibile. 

«Dato che noi mangiamo prima con gli occhi e l’olfatto e solo dopo con la bocca, un consiglio utile per i genitori è quello di coinvolgere i figli durante la preparazione dei piatti – risponde Caroli, indicando la strada dei piccoli passi, concreti e giornalieri -, meglio se colorati e spiritosi. Così il bambino, divertito e spinto dalla curiosità, è più propenso ad assaggiare nuovi gusti. Un’altra raccomandazione è quella di dare ai bambini proprio gli alimenti più sgraditi quando sentono i primi morsi della fame, perché l’indice ipoglicemico, dettato appunto dalla fame, consente di apprezzare di più il gusto di ciò che hanno nel piatto. E poi introdurre cibi salutari all’interno dei piatti già noti ai bambini, avere orari stabili e precisi per pranzo e cena, non lasciare che mangino davanti alla televisione, dialogare con loro anche a tavola, non piegarsi ai loro capricci». Ecco qualche regola da seguire perché il pasto non resti sullo stomaco a tutta la famiglia.

luglio 2014

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui