25aprile.jpgIl prossimo 25 aprile l’Italia celebra i 70 anni dalla Liberazione e dalla fine della seconda guerra mondiale. Una ricorrenza su cui ci è parso doveroso provare a riflettere perchè, proprio in una fase in cui fanatismi ideologici e religiosi si (ri)affacciano e lo spettro di conflitti danza ai confini dell’Europa e del Mediterraneo, la ricerca e la costruzione di una memoria comune appare fondamentale. Come base su cui definire la convivenza della nostra società, ma anche per saper affrontare le sfide del futuro, come paese e come Europa.

Su questi temi abbiamo sentito Guido Crainz, uno dei più importanti storici italiani, autore di diversi saggi sull’Italia contemporanea e docente all’Università di Teramo.

Cos’ha rappresentato nella storia italiana una vicenda come quella della lotta di Liberazione dopo il ventennio segnato dal regime fascista?

Ha aiutato il paese a interrogarsi su se stesso, sulla propria ragion d’essere. A guardarsi allo specchio, a capire che era possibile un futuro. A scegliere. A mettersi alla prova e a pagare di persona. “È la prima volta che mi accorgo di avere una Patria come qualcosa di mio, di affidato in parte anche a me”: lo annotava all’indomani del 25 luglio del 1943 Pietro Chiodi, professore di liceo ad Alba, in Piemonte. E Giacomo Ulivi, uno dei condannati a morte della Resistenza, scriveva ai suoi cari: “tutto noi dobbiamo rifare (…) ma soprattutto, vedete, noi dobbiamo rifare noi stessi”. In quella stessa lettera Ulivi aggiungeva: l’inganno peggiore di una “diseducazione ventennale” è stato quello di convincerci della “sporcizia” della politica e di intaccare così “la posizione morale, la mentalità di molti di noi. Credetemi: la cosa pubblica è noi stessi (…), la nostra famiglia, il nostro lavoro, il nostro mondo, ogni sua sciagura è sciagura nostra”. Ancora una volta, a settant’anni di distanza, dobbiamo ripartire da qui.

Qual è il valore e il senso del patto tra forze di diversa ispirazione politica e culturale che ha consentito di dar vita alla  nostra Costituzione?

Il primo valore è il patto stesso: l’idea che fosse necessario costruire la “casa comune”: con  “ascolto reciproco, paziente ricerca di punti di incontro e di soluzioni condivisibili, spirito di moderazione e senso della missione”. Sono le parole pronunciate da Giorgio Napolitano nel 2008, nel sessantesimo anniversario della promulgazione della Carta, e a quel “senso della missione” diedero fondamento i valori e i principi che informano i suoi primi articoli.  Un “miracolo della ragione”, come ebbe a dire Piero Calamandrei. 

In che misura l’esperienza della Resistenza e i valori espressi dalla Costituzione sono (o non sono) diventati davvero un fondamento condiviso per la società italiana e perché?

Passi avanti in quella direzione sono stati certo fatti ma si legga il secondo capoverso dell’articolo 3: “è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”. È difficile dire che sia stato realizzato per intero, ma in realtà tutta la storia della Repubblica è stata segnata dall’impegno a concretizzare i principi fondamentali fissati allora, disattesi a lungo. Si pensi  alla parità  fra uomo e donna: occorre attendere il 1963 perché le donne possano accedere alla magistratura,  e addirittura il 1975 per un diritto di famiglia che dia pari dignità ai due coniugi. Si pensi anche al lungo permanere di norme e codici fascisti incompatibili con la Costituzione: iniziarono ad essere aboliti – e con molta lentezza – solo a partire dal 1956, quando entrò finalmente in funzione la Corte Costituzionale. Non è stata né automatica né scontata l’educazione alla democrazia, ma su quella via ci si è incamminati davvero, allora.

In una fase storica come quella attuale in cui la negazione dei più elementari diritti umani, la violenza fanatica e gli scenari di conflitto, ce li siamo trovati molto più vicini di quanto non pensassimo, lei ritiene che l’Italia e l’Europa dimostrino di avere adeguatamente presente la lezione su quel che è accaduto nel XX° secolo?

All’indomani della seconda guerra mondiale l’idea stessa di Europa nacque dalla “lezione” dei drammi e dei crimini di massa della prima metà del secolo: dall’esigenza di non ripetere gli errori del primo dopoguerra, dalla necessità di includere anche le nazioni sconfitte – la Germania e l’Italia – nella costruzione di un futuro comune. E dall’“obbligo” assoluto di una rifondazione radicale del modo di essere delle nazioni e delle culture. Abbiamo riscoperto troppo spesso la necessità di quei valori: nella stessa Europa – si pensi solo alle guerre che hanno lacerato la ex Jugoslavia-  e in ogni parte del mondo.

In un mondo “veloce” e tecnologico come quello attuale, come convincerebbe i ragazzi e le generazioni più giovani sul “dovere della memoria” e sull’utilità della storia come attrezzo fondamentale per guardare al futuro?

È l’obiettivo che mi ha guidato in tanti anni di insegnamento, e mi hanno aiutato molto le “immagini” del passato e al tempo stesso il racconto di esso che ci è giunto grazie alla  letteratura, l’arte, il cinema. Per la verità non parlerei tanto di “dovere” quanto di fascino della memoria: la scoperta continua di quella ricchissima miniera che è il passato. E ho sempre cercato di far capire agli studenti che il passato è reale come il presente e incerto come il futuro: cioè che non vi sono mai risposte e strade già costruite ma che al centro di ogni cosa vi sono le scelte consapevoli di donne e di uomini. Così come è stato nei mesi e nei giorni della Resistenza.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui