Buonfine.jpgNel giro di pochi anni si potrà raddoppiare (da 500 mila a 1 milione di tonnellate) – calcolano  gli esperti – la quantità di cibo recuperata in Italia dalle organizzazioni non-profit e caritative, e donata ai più bisognosi. È uno dei risultati più interessanti attesi dalla nuova legge contro lo spreco alimentare, la legge Gadda (dal nome della promotrice e relatrice, l’onorevole Maria Chiara Gadda), approvata in via definitiva lo scorso 2 agosto dal Senato ed entrata in vigore il 14 settembre.

Coop ha anticipato la legge, agendo anche in mancanza di una normativa specifica: solo nel 2015, infatti, ha stornato con i suoi progetti di destinazione a fini solidali delle rimanenze – denominati “Buon fine”, “Brutti ma buoni”, “Spreco utile” ecc. e attivi su 16 regioni e 78 province italiane – ben 5.143 tonnellate di derrate alimentari ad oltre 800 organizzazioni di volontariato: ciò significa 6 milioni di pasti a persone in difficoltà, che ora – grazie alla nuova normativa – potranno essere elargiti con minor burocrazia e comprendendo prodotti prima classificati come “scaduti”.

A Mauro Bruzzone, responsabile Politiche sociali di Ancc-Coop, chiediamo come si articola la pluriennale attività antispreco delle cooperative:
Da molti anni il nostro obiettivo è quello di prevenire quanto più possibile la formazione di eccedenze alimentari invendibili, in quanto eticamente riprovevoli ed economicamente dannose per l’impresa. A tal fine, agiamo sui versanti delle politiche assortimentali e promozionali, della logistica (in particolare con il “just in time”), della continuità della catena del freddo, delle tecnologie informatiche finalizzate alla gestione del riordino delle merci e della gestione dei banchi di vendita.

A queste azioni aggiungo il quasi quarantennale impegno, per noi centrale anche in tale ottica, a sostegno della didattica nelle scuole, incentrato prioritariamente – attraverso il progetto di “Educazione al consumo consapevole” – sui temi dell’educazione alimentare e ambientale e della promozione di sani stili di vita. Un ulteriore, importante passo avanti nella riduzione delle eccedenze alimentari è rappresentato dal progetto “Mangiami subito”, che si va rapidamente estendendo a Cooperative e punti vendita, grazie al quale vengono offerti ai soci e clienti prodotti freschi confezionati, prossimi alla scadenza, a prezzi fortemente scontati, mediamente del 50%.

Prevenzione gestionale, educazione al consumo, last minute. Per arrivare al recupero vero e proprio dell’invenduto. Quando scatta?
Quando una quota di merce – soprattutto nei settori del fresco confezionato e del freschissimo preincartato e sfuso – va a costituire un’eccedenza non più vendibile: per danneggiamenti parziali delle confezioni, inadeguatezza rispetto agli standard di freschezza (maturazione eccessiva, prossimità alla data di scadenza e per il “secco” al termine minimo di conservazione. A questo punto scatta la ricerca delle migliori soluzioni, per ridurre ulteriormente il conferimento di tali prodotti nei rifiuti. Ovvero la donazione a fini solidaristici. Dalle originali esperienze delle singole cooperative siamo approdati al progetto “Buon fine” che le comprende tutte e che attualmente vede coinvolti circa la metà dei 1.180 punti vendita Coop e Ipercoop.

Perché non tutti? Quali difficoltà si sono frapposte? Questa legge può contribuire a superarle?
Nel tempo, grazie alla prevenzione e al “Mangiami subito”, è diminuita la quantità di merce eccedente per singolo punto di vendita, ma contemporaneamente il progetto “Buon fine” si è allargato a nuovi punti di vendita e a nuovi soggetti destinatari, facendo registrare un incremento significativo delle quantità donate.
Le difficoltà maggiori sono state nel trovare soggetti destinatari sui territori, in possesso dei requisiti previsti dalla vecchia normativa – molto opportunamente modificata dalla recente “Legge Gadda” – soprattutto per le cessioni di fine giornata di freschissimi, del pane fresco e dei prodotti di forneria e gastronomia. Inoltre, l’onere – con relativi e rilevanti costi – in capo alla gestione di ogni punto di vendita, tenuto a complessi adempimenti amministrativi, fiscali e burocratici. Oggi, questi due grossi ostacoli sono stati rimossi dalla legge Gadda.

 

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui