Siamo noi consumatori i più spreconi nella filiera del cibo: quello gettato nell’immondizia di casa l’anno scorso è costato ben 7,37 miliardi di euro. Seguono a distanza le perdite in campo, per 1,23 miliardi ogni anno, mentre lo spreco alimentare nella distribuzione vale poco più di 1 miliardo e quello nell’industria poco meno. Totale: ben 10 miliardi e mezzo di cibo buttato nell’intera filiera, nel corso del 2021, dice il Waste Watcher International Observatory on Food and Sustainability.

Per contribuire a ridurre questa vera e propria emorragia di cibo, Coop è impegnata da anni su più fronti, nei vari punti della filiera dove si può intervenire e con iniziative che permettono di utilizzare al meglio i prodotti offrendoli a prezzi ridotti o donandoli a fini solidali.

Nei negozi Coop è prevista, ad esempio, una forte scontistica sugli alimentari prossimi alla scadenza, per ridurre le eccedenze, proposti in appositi espositori. I prodotti invenduti, inoltre, vengono regalati ad associazioni di solidarietà che si occupano di persone in difficoltà o a organizzazioni di tutela e assistenza degli animali. Per finire, i rifiuti alimentari che non possono essere consumati vengono conferiti a enti che si occupano del loro recupero o trasformazione in materie prime secondarie per l’industria, in compost e bioenergia.

A generare più invenduti nei negozi Coop sono i prodotti freschi e freschissimi: carne, gastronomia, panetteria, latticini… «Cerchiamo di ridurre lo spreco, nel senso più ampio, in tutti i nostri processi – spiega Chiara Faenza, responsabile Sostenibilità e valori di Coop – nell’ottica dell’economia circolare. Comunque, con la campagna “Buon fine” a fine giornata il cibo deperibile rimasto invenduto nei negozi non si butta: viene consegnato a cooperative, enti e associazioni. Centinaia di punti vendita Coop lo scorso anno hanno donato 5.642 tonnellate di derrate alimentari, in grado di generare oltre 11 milioni di pasti, per un valore pari a circa 28 milioni di euro. Ne hanno beneficiato 938 associazioni di volontariato in tutta Italia. Invece con le offerte di prodotti vicino alla scadenza “Mangiami subito” sono stati coinvolti 836 punti vendita, per un valore complessivo dei prezzi, scontati fino al 50%, di oltre 38 milioni».

A gestire i rapporti con la rete di associazioni beneficiarie delle donazioni Coop sono le direzioni Politiche sociali delle cooperative, che seguono gli accordi stipulando convenzioni e contratti che specificano le modalità di gestione delle donazioni, nel rispetto delle normative che garantiscono, anche per questi alimenti, la loro sicurezza.

Sono coinvolti nella lotta allo spreco anche i fornitori dei prodotti a marchio Coop che hanno aderito al progetto “Coop for future”: l’86% dei 258 fornitori che donano eccedenze alimentari ha dichiarato di avere destinato a fini di beneficenza per l’alimentazione umana, nel 2020, circa 164 mila tonnellate di prodotti.

Redazione

Redazione

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui