Oggi tutte le capsule da caffè della linea Fior fiore Coop sono compostabili. La prima fu, nel 2016, la Tintoretto, che oggi è affiancata da Botticelli, Giotto, Michelangelo, Caravaggio, Tiziano, Leonardo, Raffaello (dove ciascuna di queste denominazione è espressione di una raffinata combinazione di miscele e sapori in grado di soddisfare i gusti più diversi degli appassionati di caffè).

A questo risultato si è giunti perché Coop è da sempre fortemente impegnata sul versante della sostenibilità ambientale. La politica ambientale di Coop si sviluppa in tutti i possibili ambiti d’intervento lungo la filiera produttiva: nelle tecniche di produzione agricola, nei prodotti, negli stabilimenti di produzione, negli imballaggi, nei trasporti, nei magazzini e punti di vendita, nelle promozioni dei prodotti verdi, nell’informazione ai soci e consumatori.

Uno degli ambiti di maggiore intervento è rappresentato dal Prodotto a Marchio, ed essendo il contenitore una parte integrante del prodotto risponde a pieno alle politiche di sostenibilità al pari del contenuto. Il packaging infatti, declinato nelle sue fasi di produzione e di smaltimento, genera un impatto sull’ambiente sul quale Coop vuole giocare un ruolo attivo ed innovativo.

Il processo di cui parliamo è iniziato nel 2012 con l’introduzione delle capsule separabili nelle varie componenti (ciascuno dei quali, preso singolarmente, riciclabile) e poi con un grosso balzo in avanti nel 2016 con la prima capsula compostabile ora esteso a tutta la gamma.

La considerazione iniziale fu proprio che la preparazione di una tazza di caffè espresso tramite un sistema di capsule monodose risultasse ambientalmente più impattante di quella tramite moka, per contributo non solo della fase di erogazione, ma anche di quello dell’imballaggio nonché del mancato recupero del caffè nell’organico. 

Le capsule caffè Fior fiore Coop nello sviluppo di questo approccio sono ora disponibili in materiale compostabile che permette, una volta fatto il caffè, di buttare la capsula (senza separarne le varie parti) direttamente nei rifiuti organici (secondo le modalità di conferimento definite dal suo Comune o dal gestore locale del servizio di raccolta).

Ricordiamo che le capsule Fior fiore fanno parte di un sistema dedicato ed esclusivo che comprende macchina per caffè e i diversi tipi di miscele citati all’inizio per il piacere di un buon caffè espresso.

Oggi le capsule sono tutte realizzate in  Mater-Bi ® , una bio-plastica che utilizza componenti vegetali, come l’amido di mais, e polimeri biodegradabili ottenuti sia da materie prime di origine rinnovabile, sia da materie prime di origine fossile.

1 Commento

  1. queste capsule sono compatibili con macchine da caffe nespresso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *