Se l’autunno vi ha convinti a ritirare i panni in casa, l’asciugatrice è l’elettrodomestico che vi serve. A meno che non abbiate un vano lavanderia o vi accontentiate di stendere in bagno, soluzioni certo più economiche ed ecologiche, ma anti-estetiche, meno veloci e non sempre efficaci per via dell’umidità; con la probabilità, inoltre, di generare muffe e spore sui muri.

In alternativa all’asciugabiancheria (capacità di carico da 7 a 10 Kg, leggera e posizionabile a colonna sulla lavatrice) c’è anche la lavasciuga, interessante per chi non ha una famiglia numerosa o è alla ricerca di soluzioni salvaspazio. La cabina di lavaggio, infatti, qui si riduce per far posto a quella di essicazione. In ogni caso il risultato saranno sempre tessuti morbidi e vaporosi, grazie alla capacità di questi apparecchi di eliminare il calcare dell’acqua e, con l’aiuto di palline da aggiungere nel cestello – che distanziano e profumano i tessuti – di evitare le troppe  stropicciature. Per chi vuole stirare, il momento migliore è all’uscita, quando i capi conservano ancora un minimo di  umidità.

Le asciugatrici sono richiestissime (+23,3% la crescita a volume nei primi sei mesi dell’anno, dati Gfk) e, rispetto a qualche anno fa, hanno fortemente ridotto il problema dei consumi. Il segreto sono i motori a pompa di calore, come quelli dei climatizzatori, che hanno elevato i livelli di efficientamento energetico di queste macchine. Ora sono tutte di classe A con una o più stelle e, a volte, anche un -20% o -30%, cioè un ulteriore “taglio energetico” evidenziato in etichetta.

Il rendimento ottimale per le asciugatrici a pompa di calore è dentro casa, mentre su un terrazzo, ad esempio, “si difendono” ancora bene quelle a condensazione, più economiche, che funzionano grazie a una resistenza elettrica che crea il calore e una ventola che lo diffonde in modo omogeneo. Alla fine del ciclo (che dura circa un’ora e mezza), l’acqua viene condensata in una vaschetta che è periodicamente da svuotare. Nelle asciugatrici a espulsione, invece, l’umidità estratta dal bucato viene eliminata sotto forma di vapore. Un tecnico dovrà, però, intervenire per collegare l’apparecchio, con uno speciale tubo flessibile, a una presa a vetro o a un foro di scarico. Una terza tipologia è infine costituita dalle asciugatrici con un compressore azionato a gas, le quali si riscaldano più in fretta ma hanno bisogno di un allacciamento separato.

Un elemento non secondario a cui prestare attenzione è la capacità. Dovrebbe essere circa doppia, in un’asciugatrice, rispetto alla macchina a cui è abbinata, per cui se la lavatrice tiene 100 litri, l’asciugatrice in cui travasare il bucato dovrà essere di circa 200 litri. Il 56,6% delle vendite, riferendoci al peso del bucato, si concentra nei modelli da 8 Kg.

Le temperature di asciugatura vanno scelte in base alle caratteristiche del tessuto e alle esigenze di stiratura. Molti apparecchi hanno il ciclo antipiega o programmi specifici anti-infeltrimento per la lana. Il futuro, come si è visto in settembre alla fiera dell’elettronica di Berlino (Ifa), è “smart” per tutto il mondo del lavaggio, tra autodiagnosi, autoprogrammazione e ordinazioni in automatico delle ricariche di detersivo e ammorbidente fatte online.

Mano al portafoglio
Asciugatrice non di marca a partire da 300 euro
Asciugatrice di marca fra 400 e 500 euro
Asciugatrice di alta gamma  fra 500 e 600 euro
I prezzi sono indicativi e soggetti alle variazioni del mercato

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui