Dalle pagine dell’Informatore dei nostri “cugini” di Firenze rubiamo questa bella ricetta della gastronomia toscana – trascritta da Leonardo Romanelli – perfetta dal punto di vista della cucina come piace a noi: stagionalità, riciclo e tradizione: la pappa al pomodoro. Se il clima è toppo caldo, la si può mangiare tiepida o addirittura fredda, quasi come un spagnolo gaspacho a cui somiglia.

Nella pappa al pomodoro, o col pomodoro come cantava Rita Pavone, la riuscita perfetta si deve al pane (come nella panzanella), che la deve rendere cremosa e non troppo solida. Si trovano versioni di pappa delle più incredibili: il problema nasce dal fatto che, essendo incredibilmente semplice, sembra quasi che la si voglia complicare solo quale esercizio di stile.

Si comincia a rosolare la cipolla in olio extravergine di oliva; si aggiungono pomodori freschi sbollentati e privati dei semi, meglio se passati (altrimenti , meglio usare buoni pelati in scatola). Una volta che il pomodoro si è insaporito, con l’aggiunta di sale e basilico, si aggiunge il pane e si porta a cottura bagnando con acqua salata.

L’importante è mescolare bene con un mestolo di legno per frantumare il pane: poi si utilizza una frusta, per completare alla fine con l’olio, versato quasi a mantecare il tutto.

Numerose le varianti: la più comune e accettata è quella che prevede la presenza dell’aglio insieme alla cipolla, ma non di rado c’è chi preferisce sostituire il tutto con porro, oppure aggiungere anche carota e sedano tritati. Negli ultimi anni è invalsa l’abitudine di mettere il peperoncino che non rappresenta certo un prodotto tipico, oltre che bagnare il tutto con brodo di carne invece dell’acqua.

I cuochi di nuova generazione hanno scoperto la pappa quale piatto da integrare con altri ingredienti: per esempio utilizzandola come ripieno di ravioli, quale base di crostacei come scampi o gamberi o nobilitandola, nella versione invernale con sottili lamelle di tartufo.
Tutti d’accordo nel non aggiungere parmigiano, nemmeno a scaglie.

Pappa al pomodoro

Ingredienti per 6 persone: 450 g di pane raffermo, 30 foglie di basilico, 1 cipolla rossa, 2 dl di olio extravergine di oliva, 1,200 kg di pomodori freschi maturi, 2 spicchi di aglio, sale fino, pepe nero, 1 l di acqua o brodo vegetale.

Sbollentare i pomodori, privarli dei semi e della buccia; affettare la cipolla e metterla a rosolare in una casseruola con metà dell’olio, salandola leggermente. Aggiungere i pomodori pelati e privati dei semi e far cuocere fino a che tendano a disfarsi; eventualmente, passarli al passaverdura e farli continuare a bollire con il basilico sminuzzato. Versare nel pomodoro il pane raffermo sminuzzato, bagnare con acqua e far cuocere ancora, fino a che il pane risulti cremoso. Unire l’olio restante, montando con una frusta e far riposare qualche minuto prima di servire.

Fonte: L’Informatore

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui