Dieci_euro.jpgDa domani, 23 settembre, entrerà in circolazione la nuova banconota da 10 euro della serie “Europa”, dotata di elementi di sicurezza nuovi e avanzati che proteggono maggiormente dalla falsificazione. Le vecchie banconote da 10 euro continueranno ad essere emesse fino ad esaurimento scorte e circoleranno insieme alle nuove, finché non saranno gradualmente ritirate. Anche dopo che cesseranno di avere corso legale, manterranno il proprio valore e potranno essere sempre cambiate presso le Banche Centrali dei Paesi dell’area euro.

La sostituzione delle banconote dopo un certo numero di anni è parte di un processo fisiologico. La Banca Centrale Europea e le Banche Centrali Nazionali dell’Eurosistema tutelano l’integrità delle banconote in euro e adempiono a questo compito anche sfruttando i progressi tecnologici realizzati nel campo della sicurezza dei biglietti di banca.

Dal 13 gennaio – data in cui il 10 euro della serie Europa è stato presentato pubblicamente – le nuove banconote sono offerte in prestito agli operatori economici affinché possano eseguire test presso le proprie sedi e presso i luoghi dove sono installate le macchine. Gli operatori hanno recepito le sollecitazioni dell’Eurosistema e stanno adottando strategie di adeguamento sulla base di proprie autonome valutazioni. Spetta agli stessi operatori assicurare la piena e tempestiva spendibilità delle banconote fin dalla loro emissione.

La Banca d’Italia è impegnata su tutto il territorio nazionale in un’ampia campagna d’informazione, che si avvale anche di un sito internet dedicato www.nuovovoltoeuro.eu. Sono stati allestiti punti informativi nelle filiali e in altri luoghi aperti al pubblico, come stazioni ferroviarie, centri della grande distribuzione commerciale e fiere. L’obiettivo è aiutare i cittadini a riconoscere le nuove banconote e le loro caratteristiche di sicurezza.

Con l’arrivo delle nuove banconote da 10 euro, Federconsumatori e Adusbef temono disservizi. E già si dichiarano pronte ai risarcimenti: “Abbiamo già effettuato degli incontri in Banca d’Italia nell’ambito dei quali abbiamo segnalato la necessità e l’urgenza di adeguare tutte le macchinette ed i dispositivi per il pagamento automatico affinché accettino le nuove banconote – dicono le due associazioni –Dalle macchinette presso i distributori di benzina a quelle per i biglietti dell’autobus o del treno. Per nessuna ragione si devono ripetere i disservizi e le difficoltà già registrate in occasione dell’introduzione delle nuove banconote da 5 euro. Invitiamo in ogni caso tutti i cittadini che dovessero incontrare problemi con i pagamenti a segnalarlo prontamente ai nostri sportelli, presso i quali riceveranno tutta l’assistenza necessaria per richiedere un risarcimento per il disservizio subito, nonché il rimborso/annullamento di eventuali multe (ad esempio nel caso dei biglietti di autobus o treno)”.

settembre 2014 – fonte: helpconsumatori

 

 

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui