La musica eterea di Brian Eno  Ricchissimo contenitore delle meraviglie, questo “Music for Installations”, che raccoglie i temi scritti da Brian Eno, il compositore britannico che ha inventato la “Musica per ambienti”, come colonna sonora delle sue installazioni. Opere per la Biennale di Venezia e per il Marble Palace di San Pietrogurbo, tra gli altri, che uniscono immagini e suoni che generano panorami “possibili” in continua trasformazione. Tappeti sonori eterei, impalpabili, che diventano parte integrante delle architetture che li contengono. Sia nel cofanetto con i cd che con quello con i vinili, c’è un libro nel quale Brian Eno racconta il suo lavoro all’interno di spazi così suggestivi.
Music for Installations
Se ti piace ascolta: Jon Hassell, Plaid

I suoni ipnotici tra rock e funk È un disco che  porta in superficie il suono ossessivo, ipnotico del battere del cuore, “Lub Dub”, il nuovo album degli “…A Toys Orchestra”, band che, per sue caratteristiche di scrittura per impressioni è molto amata dal cinema. Questo lavoro si nutre di echi, di incroci tra rock, jazz e funk, che scorrono in maniera libera tra le canzoni.
Lub Dub
Se ti piace ascolta: Franz Ferdinand, Editors

Una voce che sorprende È una delle rivelazioni della nuova canzone d’autore italiana, Maria Antonietta, che con “Deluderti” porta l’ascoltatore all’interno di una collezione di stati d’animo fatti di panorami remoti, bucolici persino, sferzati dalla forza analitica delle sue parole. Una voce dai pensieri profondi.
Deluderti
Se ti piace ascolta: Colombre, Alice

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *