Il 68% degli italiani è ancora ben disposto nei confronti dei rifugiati e a favore del diritto all’accoglienza. Lo rivela il sondaggio realizzato da Ipsos Italia tra giugno e luglio scorsi, dunque in piena politica dei “porti chiusi”. Politica che, tra l’altro, non dispiace, visto che il 40% degli intervistati si dichiara d’accordo con la gestione dei respingimenti del precedente governo e la metà è convinta che l’Italia abbia bisogno di maggiore protezione (ripiegamento difensivo). È un paese, nel complesso, che sul fenomeno migratorio «presenta molte ambivalenze tra aperture e chiusure» – per usare le parole di Nando Pagnoncelli, presidente di Ipsos, che ha condotto la ricerca, dal titolo “Ciak MigrAction. Le migrazioni tra realtà, narrazione e percezione”, presentata in ottobre a Bologna per conto di WeWorld-Gvc, onlus che lavora in 29 paesi del mondo.

Il dato più eclatante è la grande forbice tra percezione e realtà: gli italiani sono convinti che il 31% dei residenti in Italia siano stranieri, contro un dato reale che è del 9%. Così come pensano che siano musulmani 1 su 5, circa 12 milioni di persone, mentre sono poco più di 2 milioni e mezzo. «È estremamente significativo che la percezione sia così falsata – è stato il commento di Marco Chiesara, presidente di WeWorld-Gvc –: mette in luce la grande sovraesposizione mediatica degli ultimi tempi». Un italiano su due la ritiene apertamente eccessiva, molti (30%) pensano che i media si autocensurino e il 17% che falsifichino deliberatamente le informazioni. L’immigrazione viene messa solo al quarto posto nella classifica delle priorità del paese, dietro disoccupazione (50%), situazione economica (38%) e tasse (34%), mentre scivola al 10° posto tra i problemi individuali di tutti i giorni. L’indagine mostra che gli italiani sono sì preoccupati, ma non pregiudizialmente contrari, se, tuttavia, il fenomeno venisse governato con la collaborazione dell’Unione Europea: ben l’84% le chiede un ruolo più centrale a sostegno dell’Italia nella gestione dei rifugiati. Quasi un italiano su due ritiene che l’immigrazione stia dividendo la società in fazioni opposte e perciò sia negativa. L’aspetto lavorativo-occupazionale è uno di quelli che più alimenta le paure. Da un lato è ampiamente condivisa l’idea che i migranti siano vittime sfruttate del mercato del lavoro (75%), e che svolgano mestieri che gli italiani non vogliono più fare (55%), ma la metà è convinta che le aziende dovrebbero dare la precedenza, nelle assunzioni, ai lavoratori italiani.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui