G2_313_COM_oscar-farinetti.jpgOscar Farinetti ha indovinato il successo d’una formula commerciale ormai planetaria. Si chiama Eataly è  buona per tutte le tasche, a nord e a sud, in Italia e all’estero. Da Eataly mangi l’Italia, e non è un gioco di parole. “L’attenzione per i  cibi italiani è decuplicata – così Farinetti spiega il suo successo – perché i nostri prodotti sono freschi, semplici: più mercato e meno cucina”. Li compri e si cucinano da soli, insomma, e sono a prova di cuochi pasticcioni. Così, per la società Eataly – controllata per il 60% dallo stesso  Farinetti e per il restante 40% da alcune cooperative del sistema Coop (Coop Liguria, Novacoop e Coop Adriatica) –  è in programma un’altra trionfale batteria di aperture nazionali ed extranazionali: Bari, Firenze, Piacenza e poi Istanbul, Dubai e Chicago. Un successo che nel 2011 ha raggiunto i 212 milioni di euro di fatturato, passando da Torino, New York, Roma, Tokyo e Bologna (dove, all’Ambasciatori, c’è l’apprezzato connubio tra Eataly e Librerie.Coop). 

Oscar Farinetti, cosa pensa di questa grande attenzione al cibo da parte di tutti i media, dalla tv al cinema, dal web all’editoria?
Dovremmo essere felici per l’interessamento che c’è in questo periodo per il cibo. Salvo il fatto che in alcuni casi si parla di cibo in modo autorevole in altri casi no. Talvolta è solo intrattenimento e ha poco a che fare con l’argomento importante di cui si parla, cioè il cibo. Altre volte no, c’è ricerca del produttori, gusto della scoperta e della narrazione. Sono poco attratto anche dalle ricette in tivù che aggiungono materie prime senza dire quali sono. Dicono, ad esempio: adesso mettiamo un po’ di olio extravergine. Sì, ma quale? 

La gran parte delle persone secondo lei, è interessata alla qualità del cibo, anche a partire da quello che si vede in tivù?
In generale, temo, non c’è una gran ricerca della qualità e del resto – come sappiamo, 27 milioni di italiani formano le loro opinioni a partire dalla tivù che, come abbiamo detto, non sempre è autorevole.

Come interpreta il fenomeno per cui tante persone hanno ricominciato a cucinarsi da sole pane, dolci, e cibi fatti in casa?
Intanto bisogna considerare che c’è una crisi bestiale e la gente compra le farine, le uova, gli ingredienti primordiali – diciamo – perché a fare il pane a casa si risparmia e perché il lavoro di una casalinga o casalingo è a costo zero. Poi, forse, anche perché abbiamo ricominciato a interessarci a ciò che mettiamo dentro al nostro corpo e non a ciò che sta fuori. Per questo, tornando a quanto detto prima, bisogna riuscire a raccontare la cultura del cibo, la sua emozione, ciò che significa per il nostro corpo e la nostra identità. E qualcuno riesce a farlo. Anche in tivù.

E Eataly? Che ruolo ha in questo contesto?
Eataly ha contato molto per riportare al centro della vita delle persone la passione per il cibo. Ricordando però che il cibo bisogna conoscerlo. Raccontando le storie dei prodotti. La loro origine. I meccanismi di produzione. Facendo conoscere le differenze tra questo e quel formaggio, questo e quell’olio. Perché più conosci e più godi. 

Ma questa situazione di crisi non spinge la maggior parte della gente verso prodotti di bassa qualità purché a buon mercato? 
Bisogna riflettere sul fatto che spendiamo per il cibo il 20% di quello che mangiamo. È sul resto, su quel restante 80% che dobbiamo cercare di risparmiare. Perché quello che mangiamo è il valore su cui investire. E così dovrebbe fare anche l’Italia. Siamo già nelle condizioni di poter raddoppiare le esportazioni agroalimentari e anche le presenze turistiche. Basterebbe questo a risollevarci dalla crisi.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui