Gas_di_scarico.jpgL’inquinamento atmosferico è il pericolo ambientale numero uno per la salute degli europei: l’esposizione a livelli eccessivi di micropolveri sottili, biossido di azoto e ozono è infatti responsabile di oltre 430 mila morti premature in tutta Europa. E l’Italia ha un triste primato: segna il più alto numero di vittime premature rispetto all’aspettativa di vita per inquinamento dell’aria. La stima è stata diffusa dall’Agenzia europea per l’ambiente.

L’Agenzia denuncia che la maggior parte degli abitanti delle città europee continua a essere esposta a inquinanti atmosferici a livelli che l’Organizzazione mondiale della sanità considera non sicuri. Le stime sull’impatto sulla salute associato all’esposizione a lungo termine a Pm2.5 dimostrano che questo è responsabile di 432 mila morti premature in Europa nel 2012, mentre l’impatto del biossido di azoto (NO2) è stimato in 75 mila vittime e in 17 mila morti premature quello dell’ozono. L’indagine evidenzia anche stime per nazioni: da queste emerge che l’Italia ha registrato nel 2012 oltre 84 mila decessi di questo tipo, attribuiti rispettivamente alle micropolveri sottili – l’Agenzia europea per l’ambiente stima che in Italia queste facciano 59.500 morti – al biossido di azoto (21.600 vittime) e all’ozono nei bassi strati dell’atmosfera (3300 vittime).

“Nonostante i continui miglioramenti negli ultimi decenni , l’inquinamento atmosferico continua a colpire la salute generale degli europei, riducendo la loro qualità di vita e l’aspettativa di vita – ha detto il direttore esecutivo dell’AEA Hans Bruyninckx – Ha anche effetti economici considerevoli, aumentando le spese mediche e riducendo la produttività attraverso la perdita di giorni di lavoro”.

dicembre 2015

fonte: helpconsumatori

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui