Guida_con_smartphone.jpgStando a una ricerca del Cohen Children’s Medical Center di New York di qualche anno fa mandare o leggere un sms mentre si guida causa più incidenti che mettersi al volante dopo aver esagerato nel bere. Il ministro delle infrastrutture Graziano Del Rio, l’estate scorsa ha attribuito all’uso del cellulare mentre si guida l’80% degli incidenti che avvengono.

L’ebbrezza tecnologica rischia di essere più pericolosa di quella derivante dall’ingestione di alcol. Anche 5 secondi di distrazione a 100 km orari possono diventare guida bendata per una distanza maggiore di quella di un campo di calcio.

Questa ebbrezza da notifiche del cellulare ha anche un nome, Fomo. Un acronimo inglese che sta per Fear of Missing Out, letteralmente paura di essere tagliati fuori. Una paura che rende compulsivo guardare il cellulare e che rischia di fare danni irreparabili soprattutto tra le giovani generazioni che stando agli ultimi dati Istat sono i soggetti più coinvolti in incidenti mortali.

Per far fronte a questa specifica violazione del codice della strada l’ACI – Automobile Club d’Italia – ha lanciato la scorsa estate “#GUARDALASTRADA” e “#MOLLASTOTELEFONO”, una campagna di sensibilizzazione contro le distrazioni alla guida legate all’uso dello smartphone, rivolta in particolare ai giovani tra i 18 e i 29 anni.

Testimonial d’eccezione è stato Francesco Mandelli, attore e conduttore televisivo, volto particolarmente noto e amato dai giovani che si sa essere i più esposti alla tentazione da cellulare.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui