Giovani_disoccupazione.jpgSono principalmente tre le categorie a rischio tra i giovani italiani: i trentenni, coloro che stanno per uscire dalla scuola e gli under 16. Le individua il professor Francesco Mattioli (nella foto) ordinario di sociologia all’Università “La sapienza” di Roma.

“I primi stanno soffrendo il cambiamento delle prospettive occupazionali perché erano stati educati all’idea del posto fisso e all’importanza della laurea. I secondi sanno di dover affrontare una società incerta e competitiva, si rendono conto che la laurea potrebbe non servire, che il mercato del lavoro è globale e loro devono essere pronti a tutto”. E i terzi, gli adolescenti? “Vivono ancora in una bolla, perché nessuno è in grado di dire loro quale futuro li attende, e a loro volta se ne disinteressano, limitandosi a giocare alle consolle e stando nelle communities virtuali”. In questa situazione non è facile costruire un rapporto con la società che passi attraverso il lavoro.

E con la famiglia? “La famiglia è spesso divisa, comunque distratta, tendente a comprarsi l’amore dei figli nei negozi di elettronica. In più i genitori di oggi hanno di fronte un mestiere molto più arduo di quello di una volta e in una società come l’attuale, che è divenuta complessa, contingente e contraddittoria, commettono molti errori. Il più grave? Quello di tendere ad assolvere i propri figli anche quando sbagliano”. E lo fanno, i genitori – motiva il professor Mattioli – perché in questi casi “in realtà è la loro dignità individuale ad uscirne ferita“.

Di fronte a episodi gravi che coinvolgono minorenni finiti in cronaca, spesso “incomprensibli” ai più, la domanda ricorrente che giriamo al sociologo è di chi sono le responsabilità. “Non è per tutti così, ma è difficile assolvere dei genitori che lasciano andare un figlio sedicenne in discoteca fino alle 5 del mattino. O sbagliano prima, o sbagliano in quel momento, o non sono interessati più di tanto a quel che succederà. Hai voglia a dire ‘ma mio figlio è un ragazzo modello’ dopo che ha massacrato la fidanzata, o a meravigliarsi che abbia investito un passante perché guidava sotto l’effetto di stupefacenti. Il fatto è che per molti genitori i figli sono degli estranei, liberi di fare quello che vogliono, purché non interferiscano con la loro vita”.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui