Un vincolo molto stretto e longevo quello che lega Coop Alleanza 3.0 a Libera, l’associazione fondata da Don Luigi Ciotti. Da oltre 15 anni infatti alla Coop si possono acquistare i prodotti a marchio Libera Terra, risultato del lavoro delle cooperative di giovani a cui sono stati dati in gestione i terreni e i beni confiscati alla criminalità organizzata. Un lungo lavoro fatto insieme con l’obiettivo di mettere in circolo legalità e speranza e promuovere un sistema economico giusto e virtuoso, reso possibile dalla promulgazione della legge del ‘96 sul riutilizzo dei beni confiscati alle mafie, legge che deve la sua ideazione e approvazione proprio a don Luigi Ciotti che per questo fine raccolse un milione di firme. Ed è sul solco di questa relazione che Coop ha sostenuto la realizzazione del docufilm “Così in Terra”, che racconta la straordinaria figura di un cittadino libero e sacerdote sotto scorta. Il docufilm trasmesso su Rai3 in prima visione assoluta venerdì 8 giugno alle 21,15 (poi disponibile per 7 giorni su RaiPlay), è in programmazione anche al Biografilm Festival di Bologna, fino al 24 giugno.

Cittadini a intermittenza «Ci sono troppi cittadini a intermittenza, che di fronte alle tragedie si commuovono. Non basta commuoversi, bisogna muoversi». Oppure  «Diventate sovversivi. Il cristiano autentico è sempre un sovversivo». Sono due pensieri che danno la cifra del personaggio, don Luigi, esempio contemporaneo di “prete di strada” e insieme di uomo complesso, unico, non catalogabile. È questa l’immagine che ci viene restituita da quasi ottanta minuti di un “viaggio” lungo due anni per la penisola, a piedi o nell’auto blindata, nelle strade e nelle parrocchie, dentro scuole e nelle periferie degradate. Con don Luigi Ciotti, sottobraccio il Vangelo e la Costituzione italiana.

Un’idea per la televisione «L’idea del film – racconta il regista Paolo Santolini, romagnolo classe ’63 – nasce nel 2014 a Latina, in occasione della Giornata della Memoria delle vittime innocenti delle mafie e dell’incontro con Papa Bergoglio. All’inizio Luigi era contrario, temeva che venisse fuori una celebrazione. È stato bello, poi, fargli vedere il risultato del lavoro e avere la sua approvazione: restituisce la realtà, così mi ha detto».

«Il film è pensato per la televisione pubblica, per raggiungere dunque un pubblico ampio», precisa Paolo Benzi di Okta Film, che produce il docufilm assieme a Rai Cinema, Coop, Fondazione Unipolis, Fondo audiovisivo Regione Friuli-Venezia Giulia. «Dopo la prima Tv organizzeremo proiezioni e incontri in tutta Italia e la distribuzione in Dvd». Scandito da musiche originali composte da Billy Martin, “Così in Terra” fotografa lo stato del nostro Paese attraverso la tenace e coerente battaglia di un uomo “scomodo”, protagonista da cinquant’anni della società italiana prima con il Gruppo Abele, poi con l’esperienza di Libera.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *