Papà? Tra le pappe sta benone, e non solo: si trova meglio anche al lavoro. Lo afferma la società di consulenza internazionale McKinsey, che ha intervistato 130 neo-padri e le loro partner in dieci Paesi, sul congedo di paternità esteso: gli uomini hanno detto che la loro esperienza è stata decisamente positiva, nonostante alcuni fossero preoccupati su cosa avrebbe potuto significare per la loro carriera. Anzi, ne hanno beneficiato anche le finanze familiari.
“In tutto il mondo — afferma l’indagine – 90 paesi su 187 offrono un congedo di paternità retribuito per legge e nei paesi Ocse, anche se meno della metà degli uomini usufruisce di tutte le prestazioni di congedo loro offerte”. Il 90% dei padri che lo hanno fatto, intervistati, ha notato un miglioramento del rapporto con la compagna, non tanto per l’aiuto che avevano dato nei compiti domestici, quanto per il supporto emotivo offerto alla madre nei primi e difficili giorni di cura del bambino. Il maggiore coinvolgimento del padre, fra l’altro, può alleviare la depressione post partum, ridurre lo stress della mamma (migliorando così anche la salute del bambino) e farla tornare prima al lavoro. Inoltre, il congedo di papà può aiutare a creare relazioni molto forti con i figli: un legame “speciale” che dura per gli anni a venire.

Essere genitori insieme nei primi giorni, settimane o mesi di vita di un bimbo risulta determinante nel plasmare le dinamiche familiari e diventare genitori e famiglia solida. E i benefici non finiscono qui. Infatti — dice McKinsey — il congedo di paternità può influenzare le decisioni dei genitori su quanto destinare, nel budget familiare, all’assistenza all’infanzia e al lavoro domestico. Mentre, se papà resta a casa, migliorano anche i conti: “Questi padri hanno anche notato che i loro congedi li hanno aiutati a sostenere le loro partner in modo da ridurre al minimo l’impatto negativo sull’avanzamento di carriera. Il congedo di paternità, inoltre, riduce il divario salariale di genere all’interno delle famiglie, aumenta i salari delle madri a breve termine e contribuisce ad aumentare il benessere finanziario totale delle famiglie a lungo termine”. Con due stipendi, e senza costringere la donna ad arretrare sul lavoro, l’intera famiglia è più ricca e si allontana il rischio povertà.

Ultimo ma non ultimo, gli uomini che trascorrono del tempo con i propri figli segnalano un aumento di felicità e appagamento personale, e molti nuovi padri scoprono anche un ritrovato apprezzamento per le aziende dove lavorano. Con un senso delle priorità rivisto, alcuni di loro hanno iniziato ad apportare cambiamenti positivi nella loro vita lavorativa, sentendosi orgogliosi della propria scelta anche di fronte a colleghi, familiari, amici. A tutto vantaggio delle stesse aziende che investono nel congedo anche per lui.
Ma perché questa paternità più profonda sia davvero felice e senza rimpianti, secondo l’indagine occorrono tre condizioni chiave: una cultura del lavoro che incoraggi il congedo (70%), il sostegno politico del loro datore di lavoro (63%) e una tempistica di promozione in carriera inalterata (30%).

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui