VERDENA.jpgNella sintesi tra l’energia elettrica del punk e la melodia sta il segno stilistico che ha fatto dei Verdena una delle band che meglio sono riuscite a conciliare il pop con la tensione giovanile. Dall’underground al successo di pubblico, con una serie di album ai quali si aggiunge il nuovissimo Endkadenz (Volume 1). Con Alberto Ferrari, il cantante del gruppo, abbiamo parlato di dischi, libri e film.

Alberto, quali sono i dischi che più hai ascoltato nel periodo della registrazione?
Il Requiem di Mozart, perché lo avevo accantonato e invece potrebbe essere uno dei miei dischi preferiti in assoluto. Ho ammirato molto altri artisti classici come Čajkovskij che, al contrario, mi sono piaciuti subito. Mozart ho dovuto ascoltarlo con più calma e attenzione e non sempre ho tempo per farlo. Una volta fatto ho scoperto un mondo di semitoni che mi hanno entusiasmato. Ci sento i Beach Boys, i Beatles e i Nirvana. Poi Ozma dei Melvins, perché è bello e impossibile. Ozma è il loro disco che preferisco in assoluto. Scientifico e punk allo stesso tempo. Irraggiungibile. Infine New di Paul McCartney.
Perché Paul va ascoltato con calma. Più lo ascolto, più mi piace. La prima volta che lo sentii pensai “Ah! Roba da vecchietti”, ma più lo ascoltavo più ne diventavo ossessionato. Adoro i Beatles e adoro tutta la produzione di Paul McCartney versione solista, senza escludere (quasi) nulla.

E i libri?
Il piccolo principe che ho letto a mio figlio Tobia almeno dieci volte nell’ultimo anno e sempre ci commuove. Un libro di rara bellezza che ho scoperto solo diventando papà. Meglio tardi che mai!
Ho nuovamente affrontato il GGG di Roald Dahl. Perché non ce la facciamo mai a finirlo. Da anni è sul comodino vicino al letto. Prima che venga ricoperto dalla polvere lo riesumiamo e lo riprendiamo da capo. Poi una biografia, Dimebag. È la storia di Darrell Abbott, chitarrista dei Pantera-Zac Crain. Sono un fan dei Pantera e la sua storia mi ha appassionato.

Chiudiamo con i film…
Parto da Milk di Gus Van Sant. Un film che racconta di valori a cui tengo molto. Poi c’è Sean Penn diretto da Gus Van Sant, uno dei miei attori preferiti, diretto da uno dei miei registi preferiti. Poi Ritorno al futuro  di Robert Zemeckis. Perché è un tuffo nel passato. È stato il primo film che ho visto al cinema, nell’85. Lo conosco a memoria.

febbraio 2015

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui