Le catastrofi ambientali legate al fracking e alle potenti “iniezioni” nel cuore della terra, possono avere dimensioni bibliche. La più nota è la “marea nera” di petrolio fuoriuscita nel 2010 nel Golfo del Messico, con milioni di barili di petrolio ancora oggi galleggianti di fronte a Louisiana, Mississippi, Alabama e Florida, oltre ai depositi sui fondali. Danni all’ambiente sono documentati nelle praterie americane dove sono in corso le trivellazioni. Anche volendo sorvolare sui casi più eclatanti e su contaminazioni ed erosioni selvagge, la produzione di shale gas e shale oil mostra un’impronta ambientale, in termini di emissioni “globali”,  paragonabile a quella dei combustibili fossili peggiori, liberando nell’aria metano (che se incombusto è un gas serra più potente della CO2) in quantità doppie a confronto del gas convenzionale. Rispetto a questo i ricercatori della Cornell University americana hanno calcolato che in un arco di vent’anni, lo shale gas risulta più inquinante dal 22 al 43%; mentre rispetto al petrolio lo è tra il 50 e il 250% e del carbone dal 20 al 100%. Enormi i consumi di acqua, fino a 1.000 volte quelli necessari per i giacimenti convenzionali: non certo una buona notizia in epoca di siccità e di calo delle riserve idriche mondiali.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui