Sicurezza_internet_.jpgI dati dell’Osservatorio sicurezza e frodi informatiche di Abi Lab dicono che nel 2015 lo 0,0031% appena degli utenti che si sono collegati a un Internet banking hanno subito frodi con danno economico: cioè una frode riuscita ogni 32.200 clienti. Sì, la percentuale è bassa, ma come evitare di essere proprio noi i frodati? Ecco i dieci consigli dell’Abi, Associazione banche italiane.

Diffida di qualsiasi messaggio, anche se apparentemente autentico, ricevuto tramite e-mail, sms, social network, ecc. che ti invita a scaricare documenti o programmi in allegato. Potrebbero contenere dei malware che si installano sul tuo pc

Diffida di qualunque richiesta di dati relativi a carte di pagamento, chiavi di accesso all’home banking o altre informazioni personali ricevute su qualsiasi canale digitale (e-mail, sms, ecc.). La tua banca e qualunque altra autorità non ti chiederanno mai queste informazioni

Per connetterti al sito della tua banca, scrivi direttamente l’indirizzo nella barra di navigazione. Non cliccare su link presenti su e-mail e sms, che potrebbero invece condurti su siti contraffatti, molto simili all’originale

Controlla regolarmente le movimentazioni del tuo conto corrente per assicurarti che le transazioni riportate siano quelle realmente effettuate, e utilizza eventuali strumenti di notifica delle operazioni svolte se messi a disposizione dalla tua banca

Verifica l’autenticità della connessione con la tua banca, controllando con attenzione il nome del sito all’interno della barra di navigazione. Se è presente, clicca due volte sull’icona del lucchetto (o della chiave) che vedi in basso a destra nella finestra di navigazione e verifica la correttezza dei dati che vengono visualizzati

Durante la navigazione in Internet, installa solo programmi di cui puoi verificare la provenienza

Installa e mantieni aggiornati software di protezione (antivirus e antispyware), ed effettua scansioni periodiche del tuo hard disk

Aggiorna costantemente sistema operativo e applicativi del computer, installando solo gli aggiornamenti ufficiali disponibili sui siti web delle aziende produttrici

Fai attenzione a eventuali peggioramenti delle prestazioni generali (rallentamenti, apertura di finestre non richieste, ecc.) o a qualsiasi modifica improvvisa delle impostazioni di sistema, che possono indicare infezioni sospette.

Se riscontri problemi o anomalie nei servizi di home banking rivolgiti alla tua banca, che potrà darti informazioni utili

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *