Aula_scuola.jpgÈ già il momento di pensare a iscrivere a scuola i propri figli. Ed ecco che nei moduli d’iscrizione, campeggiano in bella vista i bollettini prestampati con la dicitura “contributi scolastici volontari” e la richiesta di un versamento che va dai 50 ai 100 euro a famiglia. Nonostante si tratti di un contributo volontario, molte scuole presentano la richiesta come se fosse una norma obbligatoria. Il Movimento Difesa del Cittadino condanna questo comportamento e invita i cittadini a denunciarlo.
Seppur sia stato chiarito più volte e ribadito anche da una circolare del MIUR nel mese di marzo che il contributo ha una natura esclusivamente volontaria, non sempre l’Istituto scolastico chiarisce alle famiglie questo aspetto. MDC fa sapere che sono già tante le segnalazioni che in questi giorni arrivano all’Associazione da parte delle famiglie sempre più confuse e spaventate da un contributo che diventa in molti casi una pretesa.

“Il rispetto concreto e morale della dicitura contributo volontario deve essere una regola dalla quale non si prescinde – si legge in una nota dell’Associazione – atteggiamenti simili da parte delle istituzioni scolastiche diventano dei veri e propri ricatti se non atti di sciacallaggio ai danni delle famiglie. Posto l’imprescindibile diritto alla gratuità d’accesso per le classi d’istruzione obbligatoria (scuola primaria e secondaria di primo grado e primo, secondo e terzo anno dei corsi di studio degli istituti di istruzione secondaria di secondo grado), la famiglia ha il diritto di poter scegliere se destinare o meno la quota alla scuola oltre che di essere informata della gestione finale della somma versata”.
MDC ricorda infatti che il contributo non può riguardare in nessun caso lo svolgimento ordinario di attività curriculari, dovere e obbligo della scuola, ma solo interventi di ampliamento dell’offerta formativa. “L’Istituto deve presentare in maniera chiara e trasparente la richiesta e chiarirne l’effettiva destinazione – continua MDC – in caso contrario ci troviamo di fronte a una pratica scorretta non differente dagli abusi che ogni giorno riguardano milioni di utenti vittime di truffe e raggiri”.

29 luglio 2013 – fonte: helpconsumatori

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui