Il tema delle bioplastiche e del riciclo fatica a sfondare nel settore del giocattolo, che rimane «il regno dell’indifferenziata». Lo ammettono a denti stretti gli addetti ai lavori, consapevoli di maneggiare plastiche difficili da riciclare, tutte diverse, colorate e prestampate, il contrario delle bottigliette di pet che ritornano facilmente in circolo. Qualcosa di più sostenibile comincia ad affacciarsi nei negozi, per esempio peluche e mattoncini in bioplastica: «Un trend su cui ci stiamo orientando» rispondono le grandi case produttrici.

Ma è sul versante del packaging che si registrano i maggiori passi avanti, con l’abbandono della plastica da parte di alcuni già entro il 2022. Per il momento però siamo lontani da un’offerta green importante di prodotto, al confronto, ad esempio, con altre merceologie come la cancelleria. «Non solo, ma non esiste una certificazione ecologica tipo Ecolabel, per cui le etichette si differenziano in funzione del processo produttivo», dice il responsabile acquisti di Coop Italia, che lavora per cambiare un mondo ancora troppo di plastica. E di plasticume. Il settore, infatti, è di per sé tra i più a rischio sotto il profilo della salute e dei controlli: i giocattoli fuori norma e privi di un marchio Ue sono la categoria di prodotti pericolosi più diffusa sul mercato europeo, seguita da auto e abbigliamento.

La bioplastica ricavata dalla canna da zucchero è una delle soluzioni, una scommessa che si fa su un materiale decisamente più naturale e rinnovabile. Il miglioramento dell’impatto ambientale e la non nocività dei prodotti con cui entrano in contatto i nostri figli passano anche dall’impiego di materiali biodegradabili come Pla e Pha. In più, per completare il giocattolo, vi si aggiungono fibre vegetali. Ci sono già ad esempio personaggi interamente in plastica a base vegetale e senza alcun imballaggio. «I giocattoli ecologici continuano ad acquisire importanza – incoraggiano gli analisti della fiera specializzata più importante al mondo, la Spielwarenmesse, in programma dal 2 al 6 febbraio a Norimberga». E citano tra i materiali emergenti il mais, la gomma, il bambù, la lana e il sughero.

Per un futuro più naturale, ci sono poi sempre il legno dei giochi di una volta e il riciclo creativo dei vecchi balocchi: con i peluche si possono fare cuscini per sedie o divani, con i mattoncini ornare vecchie scarpe e borsette, creare oggetti di design e persino artistici nel nome della pop art.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui