Separazione.jpgSempre più separazioni, soprattutto al nord: lo ha già rilevato l’Istat, che tra il 2000 e il 2011 ha contato un aumento del 23% delle separazioni e del 43% per i divorzi. Ma ora lo conferma anche l’associazione degli avvocati matrimonialisti italiani (Ami) che tuttavia fotografa un paese diviso a metà: con 383 separazioni ogni mille matrimoni al Nord e 180 su mille al Sud. Forse perché al sud i valori familiari sono più saldi? Non solo, dicono i matrimonialisti. Che imputano il numero maggiore di divorzi e separazioni anche al cosiddetto digital divide, ovvero il divario tecnologico tra Nord e Sud.

Secondo le cifre fornite dai matrimonialisti, infatti, il 30% delle separazioni giudiziali avviene per colpa di internet e di tradimenti che nascono tra social network e chat. Così al nord si tradisce di più, almeno via web, mentre al sud le occasioni sono meno frequenti… e magari i dissidi matrimoniali avvengono per via tradizionale. Intanto, però, i tradimenti via web costringono gli avvocati ad acrobazie tecnologiche per dimostrare le infedeltà consumate con chat e messaggini. E si va davanti al giudice con montagne di tabulati.  “Ogni giorno – ha evidenziato Valentina De Giovanni, presidente della sezione distrettuali Ami di Napoli – noi avvocati matrimonialisti facciamo i conti con tradimenti avvenuti in chat o scaturiti da conoscenze maturate in internet e sulla possibilità o meno di poter allegare nella documentazione i link delle chat e il loro contenuto a dimostrazione del tradimento”.

“Ogni giorno – ha evidenziato Valentina De Giovanni, presidente del la sezione distrettuali Ami di Napoli – noi avvocati matrimonialisti facciamo i conti con tradimenti avvenuti in chat o scaturiti da conoscenze maturate in internet e sulla possibilità o meno di poter allegare nella documentazione i link delle chat e il loro contenuto a dimostrazione del tradimento”. – See more at: http://www.ami-avvocati.it/napoli-roccaforte-dei-matrimoni-al-nord-divorzi-in-aumento-si-tradisce-tramite-chat/#sthash.zHMCQSQk.dpuf

Molto moderno – e anche sintomo dell’allungarsi dell’aspettativa di vita –  il fatto che ci si divorzi anche tra i coniugi over 65. Succede soprattutto a Roma e Milano, dove ben un quinto degli addii riguarda questa fascia d’età e le coppie che si separano sarebbero vicine alle nozze d’oro. Vent’anni fa, a dirsi addio erano solo il 2% delle coppie sopra i 65 anni.

26 marzo 2014 – fonte: Ami


Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui