Tra le misure più impattanti del provvedimento economico del governo c’è sicuramente l’ecobonus, pensato per l’ambiente ma anche per le tasche degli italiani e per rimettere in moto l’edilizia. È il fulcro verde della maxi-manovra di maggio, e va visto unitamente del bonus per la mobilità sostenibile (di cui parliamo più avanti nelle pagine sulle biciclette elettriche). L’ecobonus è, in realtà, un superbonus visto che consentirà di riqualificare un immobile di proprietà (o un fabbricato strumentale per chi ha un’impresa) non spendendo un soldo per le ristrutturazioni antisismiche ed energetiche.

La norma aumenta le aliquote delle detrazioni fiscali già esistenti, portandole al 110% sulle spese per interventi – compresa l’installazione di pannelli solari e di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici – effettuati tra il primo luglio di quest’anno e il 31 dicembre 2021. Il vincolo del miglioramento di due classi energetiche dell’edificio è stato attenuato, per cui è sufficiente “il conseguimento della classe energetica più alta” (le classi lo ricordiamo sono dieci, ma la stragrande maggioranza degli edifici italiani è nelle ultime tre: E, F e G ). Gli interventi trainanti per ottenere il suporbonus sono il cappotto termico e la installazione di caldaie a pompa di calore e a condensazione. I pagamenti vanno fatti tramite bonifico bancario o postale. La detrazione permette di recuperare in dichiarazione dei redditi il 110% delle spese, in 5 anni, con la novità che è possibile cedere il credito a ditte, banche e altri soggetti, che anticiperanno il costo dei lavori.

Per quanto riguarda il sismabonus, è stata allargata l’area di pertinenza che ora comprende non solo le zone sismiche 1 e 2, ma anche la zona 3, il che significa l’aggiunta di 1.560 comuni beneficiari dello sconto fiscale. In più è stata inserita la detrazione del 90% per chi acquista una polizza anticalamità abbinata all’intervento antisismico, il quale ovviamente andrà asseverato da tecnici e professionisti così come quello per l’efficientamento energetico.

2 Commenti

  1. Vorrei sapere se un condomino può eseguire i lavori nel suo appartamento indipendentemente dagli altri condomini (es. sostituzione degli infissi e rifacimento di cappotto termico su parti dell’edificio esclusa facciata principale.

    • RISPONDE LA REDAZIONE
      Inserito da Redazione il 12 Giugno, 2020 at 4:43 pm — Rispondi

      Gli infissi sì, perchè sono di pertinenza del tuo appartamento. Il cappotto termico no. Ma per sicurezza interpella l’amministratore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui