Perché ha deciso di scrivere sulla violenza contro le donne? 
Il mio libro-inchiesta è sulla condizione di profonda crisi dell’uomo, in realtà. Ma parlando della crisi dell’uomo non potevo che chiedere alle donne, che ci frequentano, ci osservano, ci conoscono. Sono state loro, in più di un’occasione, a parlare, a raccontare di violenza…

Lei ha scelto di raccontare la voce mancante della storia. Non si parla quasi mai dei violenti, si preferisce concentrarsi sulle vittime, le loro storie e, magari, le loro colpe… 
Gli uomini di questa epoca sono in profonda crisi, sotto ogni profilo. La violenza è solo la conseguenza di un disagio profondo, dell’impossibilità a comunicare, oltre che di un profondo ritardo evolutivo sociale. Occorre sollevare il prima possibile una “questione maschile”, fatta di analisi, di accettazione dei nostri limiti, di costruzione di nuovi orizzonti, di limiti e paletti che solo noi possiamo e dobbiamo mettere.

Poi ci sono gli uomini “normali”: fratelli, amici, padri e compagni inorriditi quanto le donne da quello che accade ma spaesati. Perché non esistono luoghi di cosiddetta autocoscienza maschile?   
Fino a che non prenderemo coscienza noi della nostra condizione, fino a che non cominceremo a parlare tra di noi, orizzontalmente, non potrà esserci alcun processo evolutivo, alcuna forma di crescita. Alle donne nessuno ha regalato nulla, hanno dovuto sudare, e ancora sudano, urlano, per farsi capire, per essere ascoltate. Noi dobbiamo fare lo stesso. Nessuno ci porterà la soluzione. Siamo noi, in potenza, quella nuova frontiera.

La violenza contro le donne è un’emergenza di questo periodo o c’è sempre stata, sotterranea, magari non denunciata?
Sta aumentando, in modo proporzionale all’aumento della crisi degli uomini. Mancate risposte producono tensione e a volte violenza.

Quanto influisce la crisi economica, secondo lei? 
È solo un ulteriore elemento di disagio. Ma se una persona è in equilibrio affronta la crisi con creatività e ottimismo. Se è già depressa viene affossata.

E il ruolo dei genitori? 
Essenziale, ma ancora profondamente disatteso. Chi li ha allevati questi uomini a disagio? Chi li ha cresciuti ed educati?

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui