Anziano_dentista.jpgNumerosi gli anziani che, costretti a cercare di sbarcare il lunario con pensioni che vanno dai 600 ai 1000 euro al mese, lasciano l’Italia per raggiungere paradisi low cost dove vivere, e soprattutto curarsi. A dirlo è un dossier di Fipac-Confesercenti dal titolo “Nonni in fuga: sanità poco accessibile per gli anziani”, presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa.

La sanità sembra essere diventata infatti un lusso che i più di 7 milioni di over 65 italiani che vivono con pensioni minime non possono permettersi. I dati del Censis dicono che sono oltre 9 milioni gli italiani che hanno rinunciato a curarsi a causa dei costi troppo alti della sanità a causa dei quali rimandano visite e interventi o non acquistano i farmaci prescritti quando non sono rimborsabili. Di questi, ben 2 milioni sono anziani, ossia la categoria di persone che tecnicamente avrebbe più bisogno di cure. Per aggirare le alte spese che riguardano la salute, gli anziani stanno iniziando a seguire percorsi alternativi per così dire “low cost”. Sempre più frequentemente, infatti, si recano all’estero per affrontare le cure mediche. In particolare, andare dal dentista in Italia è diventato proibitivo così ci si sposta in paesi come la Romania, dove è possibile risparmiare fino al 50-60% (viaggio e alloggio compreso). È indubbio che, recandosi all’estero per curarsi, si rinuncia al sostegno post-intervento ma i pensionati italiani sono disposti a correre qualche rischio pur di assicurarsi un sorriso nuovo.

Ci sono poi gli anziani che decidono di vivere stabilmente fuori dall’Italia, in paesi dove è possibile condurre una vita da pasha nonostante le entrate che nel nostro Paese basterebbero a malapena ad arrivare a metà del mese. Le rotte delle migrazioni dei pensionati italiani sono sempre più affollate (erano 300.000 gli anziani che si sono mossi dall’Italia nel 2011, 400.000 nel 2012 e le previsioni sono in aumento anche per il 2013 e 2014) e virano verso le Canarie, il Marocco, la Tunisia, la Repubblica Domenicana, il Costa Rica: tutti Stati dove il costo della vita è molto basso e con 40-80 euro al mese è possibile assicurarsi una polizza assicurativa a copertura totale per le spese sanitarie.

maggio 2014 – fonte: helpconsumatori

 

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui