Coop Reno ha un piano industriale per i prossimi anni molto importante, con l’obiettivo di aumentare il fatturato, il numero dei supermercati e dei distributori di carburante. La localizzazione della nostra attuale rete di vendita rispetto a quando nacque la cooperativa – spiega Andrea Mascherini, presidente del Consiglio di amministrazione di Coop Reno – ha spostato di fatto il baricentro più verso l’asse della via Emilia. Abbiamo perciò deciso di spostare di conseguenza anche il nostro centro direzionale dall’attuale sede di San Giorgio di Piano all’outlet di Castel Guelfo, in una location prossima ai principali nodi di comunicazione come il casello autostradale. Nel nostro piano di sviluppo l’Appenino modenese e quello romagnolo saranno centrali, per cui contiamo di avvicinarci a quella zona».

«Il progetto che abbiamo scelto tra i tanti – prosegue Mascherini – è all’avanguardia sia per l’idea che propone, sia per i materiali e le tecniche di realizzazione che sono molto legati alla green economy. I lavori purtroppo non sono ancora potuti partire per colpa dell’epidemia da Covid-19 di questi mesi, ma inizieranno già nelle prossime settimane e si concluderanno nel 2021. Come gruppo, nei prossimi tre anni abbiamo un obiettivo che complessivamente ci porterà vicino ai 250 milioni di fatturato e questo progetto è la dimostrazione concreta e importante del nostro impegno ad accompagnare questo ciclo di sviluppo e crescita».

Politecnica è la società che si è aggiudicata il progetto il cui ceo è Francesca Federzoni. «Siamo orgogliosi – dichiara – di collaborare a questo importantissimo progetto insieme a un player di eccellenza come Coop Reno, uniti per delineare una best practice nel campo della progettazione sostenibile in Italia. Con Coop Reno, che da anni porta avanti iniziative con caratteristiche di innovatività e di sostenibilità, abbiamo sviluppato un progetto in grado di valorizzare gli aspetti paesaggistici e ambientali dell’area, avendone al contempo la massima cura. L’impronta ecologica è stata utilizzata come parametro attivo, predittivo e decisivo per tutte le scelte progettuali e per la realizzazione di un edificio con i più alti parametri di sostenibilità».

«L’idea progettuale è nata subito – raccontano Stefano Maffei e Danilo Sergiampietri, architetti di Politecnica e Fabrica Lab – sin dal primo sopralluogo in un vasto terreno pianeggiante, in un angolo silenzioso di natura e campagna. Non potevamo pensare a un edificio urbano, non eravamo in una città, dovevamo intervenire con la leggerezza tipica di chi attraversa la campagna facendo attenzione a dove si mettono i piedi. L’asse principale del progetto è dunque un percorso curvilineo, organico, esclusivamente pedonale. Gli edifici, come rami, crescono e si sviluppano lungo questo percorso. Abbiamo immaginato un processo di gemmazione, uno sviluppo naturale, non obbligatorio ma dettato dalle necessità e dalle condizioni. I singoli edifici in pianta hanno forme organiche che ricordano le foglie così come i frutti, con i loro noccioli centrali, mentre i rivestimenti esterni, con lamelle frangisole di dimensioni, colore e geometrie variabili, si ispirano agli anelli di accrescimento dei tronchi degli alberi».

«Ovviamente quando abbiamo deciso di premiare questo progetto non potevamo immaginare l’avvento di una pandemia mondiale – conclude Andrea Mascherini -. Oggi più che mai la simbologia di una “pianta” che è radicata sul territorio dove vive e si sviluppa, è la scelta migliore che potevamo fare per dare un futuro di crescita alla nostra cooperativa».

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui