Un gesto semplice per un prodotto simbolico. Da sempre Coop è tesa alla valorizzazione del ruolo della donna e della sua dignità e anche in questo 2020, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre, rinnova il suo impegno e lo fa come sempre attraverso i suoi prodotti.

Dal 23 al 29 novembre, sarà possibile acquistare le confetture della cooperativa agricola “Insieme”, partner storico di Coop che coltiva i propri frutti nella parte della provincia bosniaca compresa tra Bratunac e Srebrenica, teatro di massacri etnici nel 1995. Per ogni confezione acquistata, Coop devolverà 50 centesimi ad associazioni e organizzazioni italiane, con cui le cooperative hanno relazioni consolidate e che nei diversi territori si occupano di accogliere e sostenere le donne vittime di violenza, denunciarla e promuovere il riconoscimento dei diritti umani. Una iniziativa con un duplice effetto. Da un lato si aiutano le coltivatrici al di là dell’Adriatico. La cooperativa agricola “Insieme” nasce proprio per favorire il ritorno a casa dei profughi della ex-Jugoslavia, attraverso la creazione di un’occupazione che si basa su cooperative che coltivano frutti rossi nelle fattorie di famiglia. Così donne operaie, agronome e contadine di diverse etnie possono tornare a vivere dove sono nate e avere un’occasione di riscatto e valorizzazione delle produzioni locali.

Una storia che grazie alla collaborazione con Coop, verrà raccontata anche dalla testata internazionale e social dedicata alle donne “Freeda”, con delle interviste alle protagoniste della cooperativa. Ma con la stessa iniziativa si sostengono anche le associazioni che in Italia aiutano le donne in difficoltà. “Anche quest’anno e più che mai – spiega Maura Latini , amministratore delegato di Coop Italia – siamo convinti che sia importante impegnarci per stare al fianco delle donne vittime di violenza, contrastare il fenomeno del femminicidio e promuovere una cultura di riconoscimento e rispetto dei diritti umani. Con un semplice gesto, come l’acquisto dei prodotti di Frutti di Pace, si ottiene un duplice risultato: sostenere il progetto delle donne bosniache e finanziare la rete dei centri qui in Italia».

 

Redazione

Redazione

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui