Scaffali.jpgContinuano i dati negativi per l’Italia che testimoniano quanto sia ancora lontana l’uscita dalla crisi. Il 2013 è iniziato con un forte calo del commercio al dettaglio: l’Istat ha registrato – 3% delle vendite su gennaio 2012 e – 3,3% degli ordinativi dell’industria, di cui crolla anche il fatturato. In calo le vendite degli alimentari (-0,6%) anche nei discount (-0,2% su base annua). Il crollo delle vendite coinvolge quindi tutte le forme di distribuzione: rispetto a gennaio 2012 si registra un calo del 2,3% per la grande distribuzione e del 3,5% per le imprese operanti su piccole superfici.

Secondo Federconsumatori e Adusbef i dati dell’Istat sono ancora troppo sottostimati e, in assenza di interventi mirati, la contrazione dei consumi per il biennio 2012-2013 si avvicinerà al -7%, che equivale a quasi 50 miliardi di euro in meno sul mercato. Situazione drammatica per le famiglie italiane, ma anche per l’intera economia del Paese.
Le Associazioni rilanciano le 3 operazioni urgenti per restituire ossigeno alla nostra economia:  pagamento dei debiti alle imprese, allentamento del patto di stabilità con gli enti locali (per dare possibilità di intervento soprattutto con pratiche di manutenzione, sicurezza ed edilizia), vendita del 15% delle riserve auree.
Secondo il Codacons il quadro drammatico si completa con i dati sull’inflazione che a gennaio, per i prodotti alimentari, era del 3,1%. Le vendite dei  prodotti alimentari  sono ormai in caduta libera dal 2007 e se nei primi anni si poteva pensare ad una riduzione degli sprechi ora la tesi non regge più. “Il crollo delle vendite degli ipermercati, nonostante le offerte promozionali e le vendite sottocosto, e quello dei discount, dimostrano che la discesa delle vendite alimentari è ormai complessiva e strutturale e non dipende più da uno spostamento dei consumatori tra una tipologia di esercizio e l’altra, alla ricerca dei prezzi più convenienti. Insomma, gli italiani mangiano meno”.
A tutto questo si aggiunge l’elevata pressione fiscale, che potrebbe addirittura aumentare nei prossimi mesi: dall’aggiornamento del Def, documento di programmazione economica e finanziaria che dovrà essere approvato entro il 10 aprile, si apprende che nel 2013 la pressione fiscale dovrebbe toccare il 44,4%, con un aumento dell’1,8% negli ultimi due anni. “Per gli italiani insomma si profila un cupo scenario costituito dall’aumento di crisi e tasse e dal calo di soldi e lavoro – scrive il Codici in una nota – In Italia, infatti, soprattutto negli ultimi tre mesi è salita al 15% la popolazione in difficoltà economica (dati Ue)”.

Sempre secondo i dati del Def, la disoccupazione quest’anno arriverà all’11,6%, e secondo le stime salirà all’11,8% nel 2014. I consumi scenderanno ancora dell’1,7% quest’anno, per poi tornare a salire dell’1,4% nel 2014.

fonte: ansa

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui