fracking.jpgUna volta raggiunto il giacimento di gas non convenzionale, il pozzo, che può estendersi anche per migliaia di chilometri, da verticale si fa orizzontale (tecnica risalente a una trentina di anni fa) e prosegue poi come un’arteria da cui si diramano tanti vasi capillari.
Qui entra in gioco la forza distruttrice del fracking (o hydrofracking), l’idrofratturazione della roccia fatta pompando acqua miscelata con sabbie e composti chimici a 16.000 litri al minuto e con l’aiuto di microesplosioni. A parte (si fa per dire) gli sconvolgimenti tettonici, sotto accusa sono soprattutto gli agenti chimici: centinaia di composti tra cui acrilamide, benzene e benzetilene, metanolo, isopropano, diesel e acido nitrilotriacetico, parte dei quali classificati come agenti mutageni e cancerogeni, nocivi  per la salute e tossici per gli organismi acquatici.
Dal processo in risalita possono liberarsi metali pesanti e radon. Inoltre il gas s’incunea nel condotto del pozzo rivestito di cemento a protezione della falda acquifera soprastante, e c’è da augurarsi che il cemento regga. Ultimo ma non per ultimo, quando il fluido iniettato fuoriesce si possono verificare incidenti come lo sversamento in mare dal Pozzo Macondo, a 1.500 metri di profondità, sotto il Golfo del Messico, iniziato il 20 aprile 2010 e terminato 106 giorni più tardi: il più grande disastro ambientale della storia americana. 

 

Il problema delle infiltrazioni

A 30 anni di attività in circa il 50% dei pozzi rivestiti internamente di cemento si verificano delle infiltrazioni col rischio di contaminare le falde acquifere. È quanto si legge nei rapporti tenuti nascosti dalle compagnie estrattive

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui