Tutti in partenza per le vacanze, magari anche solo per pochi giorni? Vale la pena allora ricordare le regole che accompagnano l’uso delle cinture di sicurezza perché non se ne sa mai abbastanza e i dubbi sono sempre in agguato.

Bisogna sapere, infatti, che le cinture sono un vero e proprio “salvavita” perché, in caso di urto del veicolo, ancorano il corpo al sedile proteggendone gli organi vitali ed evitando urti contro il volante, il cruscotto ed il parabrezza, o addirittura impedendo che venga sbalzato fuori dall’abitacolo.
Ecco perché allacciare le cinture di sicurezza dovrebbe essere un gesto spontaneo, automatico, come chiudere la portiera e avviare il motore. Invece, nonostante la presenza di sistemi di avviso sempre più sofisticati sulle auto di nuova generazione, ancora troppe persone non le utilizzano, mettendo la propria vita in serio pericolo.
Il Codice della Strada dedica l’intero art. 172 a questo dispositivo di sicurezza, stabilendo chiaramente obblighi, esenzioni (comma 8) e sanzioni (commi da 10 a 13). Dal testo, piuttosto lungo, estrapoliamo alcuni punti rilevanti.

Sedili posteriori – Il comma 1 dice espressamente che l’obbligo di indossare le cinture spetta al conducente e ai passeggeri, quindi anche a coloro che occupano il sedile posteriore.

Donne in gravidanza – Il comma 8, lettera f, prevede l’esonero per le donne in stato di gravidanza solo sulla base della certificazione rilasciata dal ginecologo curante che comprovi condizioni di rischio particolari conseguenti all’uso delle cinture stesse. Tale certificazione deve essere sempre portata al seguito ed esibita a richiesta degli organi di polizia. Altrimenti, anche le donne incinte devono allacciare la cintura. La stessa Polizia Stradale (in questa pagina) ricorda il modo corretto per allacciarla, cioè in modo che passi sotto la pancia e sull’anca, e non troppo lenta.

Il conducente risponde per tutti i passeggeri? – Ciascun passeggero maggiorenne risponde in proprio e solo con una sanzione pecuniaria per il mancato utilizzo della cintura di sicurezza. Nel caso in cui il passeggero sia minorenne, del mancato uso del sistema di ritenuta risponde la persona maggiorenne che è responsabile della sua condotta (il genitore o altra persona adulta a cui è affidato) oppure, in mancanza di questo, il conducente (che perde anche i punti patente).

E i bambini? – I cosiddetti “sistemi di ritenuta”, cioè seggiolini e adattatori, sono obbligatori dalla nascita fino al raggiungimento dei 36 kg di peso. Sul sito della Polizia Stradale è disponibile un’esauriente guida che chiarisce tutti i dubbi (ad esempio: in quale senso di marcia va posizionato il seggiolino? Si può mettere sul sedile anteriore?)

agosto 2014: fonte: linear

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui