Economia

In Italia 3 milioni di disoccupati “sfiduciati”

Si tratta di persone che potrebbero lavorare ma che non cercano un’occupazione. Lo rileva Eurostat, segnalando anche che si tratta della meta’ dei sei milioni registrati come forza lavoro potenziale nell’insieme dei 17 Paesi dell’eurozona.

Economia

Nel 2012 -23,1% per le compravendite di case

Secondo l’Istat addirittura il calo relativo ai mutui e altri finanziamenti ha registrato un calo del 39,5%

Economia

Marzo, l’inflazione rallenta e si ferma all’1,6%

Secondo le rilevazioni Istat pesa il calo dei prezzi dei carburanti. Il tasso annuo si è dimezzato dal 3,2% de settembre scorso

Economia

La caccia continua a frodi, falsi & c.

Dietro alle truffe e alle contraffazioni di alimenti e prodotti un giro di affari che vale miliardi, controllato dalla grande criminalità

Economia

Detrazioni fiscali al 55%, ecco chi ne ha usufruito

Presentato dall’Enea il rapporto 2011 sugli interventi per la riqualificazione energetica degli edifici. Al primo posto la sostituzione di infissi (59% del totale), seguito dalla sostituzione delle caldaie con quelle a condensazione (24%) e dal solare termico (11%).

Economia

Caro benzina, indagine sui prezzi “gonfiati”

Grandi compagnie nel mirino della Procura di Varese: meccanismi speculativi alla base degli aumenti di prezzo

Economia

Febbraio, consumi ancora in calo

Secondo Confcmmercio, la diminuzione, rispetto allo stesso mese dello scorso anno, è del 3,6%, mentre su base mensile il dato è invariato. Giù soprattutto gli alimentari, le bevande ed i tabacchi (-4,7%), gli alberghi ed i pasti e le consumazioni fuori casa (-3,7%), l’abbigliamento e le calzature (-3,6%).

Economia

Eurozona, disoccupazione stabile al 12%

Ma continua il dramma dei giovani senza lavoro che nei paesi europei sono in media il 24%. In Italia cresce fino al 37,8%, la terza percentuale più alta nella Ue, mentre la Spagna è arrivata allo spaventoso primato del 55,7%.

Economia

In Italia il 15% del reddito [br]per la spesa alimentare

In Italia la spesa alimentare assorbe il 15,2% del reddito disponibile, il 6% in più rispetto alla Germania, tra il 3 e il 4% in più rispetto ad altri paesi europei come Francia e Regno Unito. La differenza però dipende dal fatto che gli italiani hanno un reddito mediamente inferiore …