Tante ore sotto il sole per una paga misera, tra i 20 e i 30 euro al giorno di media. Qualcuno arriva ad assumere sostanze dopanti e droghe pur di resistere alla fatica.  Tutto ciò e molto peggio accade tutto l’anno in Italia seguendo flussi stagionali (interregionali e internazionali) che portano manodopera nei campi a prezzi ridicoli: lavoratori a cottimo, fuori dai contratti di lavoro, il 60% dei quali privi di accesso ad acqua o servizi igienici.

L’Osservatorio Placido Rizzotto della Flai Cgil ha stimato in 100 mila i lavoratori in Italia in condizioni di sfruttamento e grave vulnerabilità. Sotto un caporale, l’orario medio di lavoro va dalle 8 alle 12 ore al giorno, per un salario di circa la metà di quanto previsto dai contratti regolari. I braccianti devono pagare per il trasporto e comprarsi i beni di prima necessità. Il guadagno dei caporali? È esorbitante. Simulando, in una campagna di raccolta dell’ortofrutta, 450 mila cassoni riempiti in un mese, un capo negoziatore si metterà in tasca 225 mila euro da suddividere poi con la squadra dei caporali che è inquadrata gerarchicamente. Al capo resteranno 95 mila euro, 10 mila euro al vice capo/addetto alla logistica, 5000 euro ai caporali intermedi, 2000 euro al caporale/autista che sta alla base della piramide.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui