Dal 2017 le piattaforme social fanno un uso sempre più intenso di algoritmi per la lotta alle fake news. Ad approfondire le metodologie che vengono usate sono Alessandro Longo, Marco Martorana e Lucas Pinelli in un articolo pubblicato su www.agendadigitale.eu. Tali sistemi sono fondati sul “deep learning”, cioè su un insieme di tecniche basate su reti neurali artificiali organizzate in diversi strati, “che permettono di fare previsioni e assumere decisioni in modo indipendente”. Siamo nell’avveniristico campo dell’intelligenza artificiale in cui le reti neurali vengono addestrate a fare a meno della supervisione umana, sulla base di modelli. L’88,8% delle pubblicazioni rimosse nel secondo trimestre dell’anno, afferma Facebook – per lo più incitazioni all’odio e al razzismo – sono state scoperte direttamente dagli algoritmi, contro l’80,2% del trimestre precedente, ma nella maggior parte dei casi è pur sempre servito il controllo dell’uomo.

Perché allora, ci si chiede, non è stata fermata l’ondata di fake news e teorie cospirazioniste che ha accompagnato il coronavirus? “Gli algoritmi possono rivelare contenuti simili a quelli che hanno visto prima, ma mostrano i loro limiti quando compaiono nuovi tipi di disinformazione” si sostiene nell’articolo. Nessun modello di apprendimento automatico è stato addestrato per intercettare il “nuovo”, e percià Facebook ha dovuto affidarsi ai revisori umani di oltre 60 organizzazioni partner di “fact checking“, con risultati sicuramente migliorabili. Molti pensano che gli algoritmi dei social – che, com’è noto, fanno soldi sui temi “forti” capaci di suscitare emozioni e polarizzazioni nelle persone – siano congeniali alla diffusione della propaganda e della disinformazione. E pensano che le contromisure adottate finora siano limitate e parziali, a partire dal fatto che gli autori di fake news sono liberi di pubblicare nuovi contenuti o anche il medesimo contenuto ma con un link diverso; altri aggirano facilmente la cancellazione di un video su YouTube facendosi intervistare sui canali di altri utenti e così via. Per intensificare la lotta, Honda, Starbucks, Coca Cola e altri colossi hanno deciso di boicottare Facebook e Instagram, aderendo alla campagna “Stop hate for profit” partita negli Stati Uniti. Sul piano individuale, quando riceviamo una notizia su Whatsapp e altri canali di messaggistica, specie se è troppo buona o troppo cattiva, non dovremmo condividerla d’impulso ma andare a verificare sulle piattaforme che studiano e catalogano le bufale. Mentre molti, troppi, le condividono in automatico: un gesto che, suggeriscono gli psicologi, porta in dote una facile “validazione” personale.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui